È morto nei giorni scorsi all’età di 93 anni Giovanni Battista Guarisco, per gli amici “Tita”, giornalista, già direttore per quasi vent’anni del foglio socialista “Il lavoratore comasco”, collaboratore dell’Ordine e della Provincia e corrispondente dell’Unità. Venerdì scorso i funerali al cimitero monumentale cittadino.
Appassionatissimo di sport, ciclismo e calcio in cima a tutto, Tita era una miniera di nitidi ricordi rievocati in un misto di italiano e di schietto dialetto comasco e conditi da aneddoti e testarda documentazione.
Rivendicava il fatto che la sua firma fosse comparsa sempre e soltanto in calce a giornali di sinistra, mentre i suoi scritti per altre pubblicazioni erano firmati con lo pseudonimo di Luigi Brustia. Combattente nella guerra di liberazione, fece parte del IX Reparto d’assalto del 1° Battaglione del 10° Reggimento Arditi “Col Moschin”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*