Sono rimasti stupiti anche loro, due agenti della polizia di Stato, quando l’altra sera sono andati a casa di un 50enne comasco ai domiciliari in un quartiere della prima periferia cittadina per detenzione di sostanze stupefacenti.
L’uomo, che deve scontare quattro mesi ha accolto i poliziotti dell’anticrimine che sono stati subito messi in allerta dal forte aroma distintivo di una particolare droga.
E’ stato lo stesso inquilino così ad accompagnarli nella sua camera da letto dove, sotto aveva coltivato ben quattro piante di marijuana alte più di un metro e mezzo e aveva pure un barattolo di vetro contenente 6 grammi di sostanza stupefacente già essiccata e tutto l’occorrente per la coltivazione.
Gli agenti dopo aver sequestrato la droga con l’aiuto degli uomini delle volanti arrivati con un furgone hanno accompagnato in questura il 50enne denunciato per produzione e detenzione di sostanza stupefacente.
Il Tribunale gi ha già sospeso gli arresti domiciliari. Il 50enne è ora al Bassone.