Un momento della cerimonia di inaugurazione

Il bivacco dell’Alpe Pessina  nella Foresta Regionale Valsolda, da sabato 9 giugno è la “Capanna Bonardi- Mazzoleni”. Con questa dedica Ersaf ha voluto ricordare Mauro Bonardi, già sindaco di Carlazzo e dipendente dell’ufficio Ersaf di Lecco e Antonio Mazzoleni, capo squadra Ersaf, recentemente scomparsi, che sono stati gli artefici della rinascita della baita trasformata da rudere in un bivacco accogliente, sempre aperto e a disposizione degli escursionisti.

Quella di sabato è stata una giornata di ricordi, commozione e festa tra tanti amici, i familiari, con il vicesindaco di Carlazzo (da domenica sindaco) Antonella Mazza, il primo cittadino di Porlezza Sergio Erculiani e la presidente Ersaf Elisabetta Parravicini.

“A Mauro e Antonio va il nostro grazie per quanto hanno fatto e per la loro testimonianza preziosa – ha sottolineato commossa Parravicini -. Siamo in tanti oggi a ricordarli e, in questa che è una delle mie ultime uscite sul territorio come presidente di Ersaf, sono particolarmente fiera di ricordare due colleghi che con il loro impegno e la loro passione si prodigavano per il territorio e la sua comunità”.

La cerimonia è stata conclusa dalla benedizione impartita da don Francantonio Bernasconi, che ha ricordato i due amici, e dallo scoprimento della targa di dedicazione.

Bonardi e Mazzoleni erano particolarmente legati al bivacco dell’Alpe Pessina,  situato nei boschi della Valsolda, tra le Cime di Bronzone (1396 metri) a Nord e il Monte Bronzone (1434 metri) a sud.

Quello che era diventato un rudere è stato trasformato dal loro lavoro in un luogo accogliente: parte in muratura e parte in legno, ora la capanna è formata da un locale con tavolone e panche, rustici sgabelli, camino, stufa economica, fornello con bombola, armadietto pensile, alcune pentole e stoviglie. Nel piccolo soppalco, raggiungibile con una scala a pioli, ci sono due posti letto. Acqua sorgiva, barbecue e legnaia all’esterno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.