Per dieci anni ha guidato la Camera del Lavoro

(m.d.) Si è spento all’ospedale di Gravedona Gianfranco Garganigo, 73 anni, figura di spicco del sindacalismo lariano.

Giovedì pomeriggio, verso le 17, era stato vittima di un grave incidente nel giardino della sua abitazione a Nesso. Il sindacalista – che per un decennio, dal 1983 al 1993, ha guidato la Cgil di Como – era caduto al suolo mentre stava svolgendo alcuni lavori di giardinaggio, riportando gravi lesioni al capo.

Trasportato d’urgenza con l’elisoccorso del 118 all’ospedale di Gravedona, era stato operato nel corso della notte. Nel tardo pomeriggio  il decesso.

Per dieci anni segretario generale della Cgil di Como, Garganigo in seguito aveva assunto la guida del Sindacato dei pensionati comaschi (Spi-Cgil), passando poi ad Auser Lombardia, associazione di volontariato basata sull’impegno diretto degli anziani al servizio della comunità. Attualmente era presidente dell’Auser di Como e presidente dell’Associazione del volontariato comasco (Avc), organismo che riunisce una settantina di realtà lariane e da cui dipende l’attività del Centro servizi per il volontariato (Csv).

«Per me Gianfranco è stato come un padre politico per quasi 35 anni – è il ricordo di Alessandro Tarpini, dal 2009 al 2016 segretario generale della Cgil di Como – Era una persona con straordinarie doti umane, contraddistinto da un grande rigore etico e politico. È stato un punto di riferimento per il mondo della politica e dell’associazionismo comasco, è una grande perdita per il nostro territorio».