Nulla di fatto. Nel tardo pomeriggio di ieri nella sede di Cermenate della società era convocata l’assemblea dei soci della Pallacanestro Cantù.
Alla riunione si è presentata anche Irina Gerasimenko, presidente e moglie del magnate Dmitri Gerasimenko che detiene la maggioranza delle quote (84%).

Constatata l’assenza di alcuni soci, la presidente non ha voluto prendere parte ai lavori. Anche il previsto collegamento via Skype con Dmitri è così stato annullato facendo così saltare il numero legale per l’assemblea (50%+1). A livello formale infatti – spiegano dalla Pallacanestro Cantù – la stessa Irina non detiene alcuna quote della società, ma ha solo la carica di presidente e anche la sua partecipazione non sarebbe stata sufficiente per fare l’assemblea.

Irina insomma avrebbe potuto rappresentare il marita soltanto con una delega formale, che non è stata messa agli atti.

C’erano solo i soci di minoranza che, come si legge in una nota diffusa dalla società «hanno discusso delle varie problematiche della società, prendendo atto del budget necessario per chiudere la stagione».
Le ipotesi concrete messe subito sul tavolo sono l’inserimento di un nuovo sponsor, il miglioramento della biglietteria e la vendita di alcuni giocatori.
I soci sono ora in attesa di un nuovo confronto con la proprietà del club.