Como Acqua, la società potrebbe nascere a inizio 2018
Economia, Territorio

Como Acqua, la società potrebbe nascere a inizio 2018

Como Acqua, macchine avanti tutta. La travagliata nascita della società pubblica destinata a gestire il ciclo integrato dell’acqua in provincia di Como, potrebbe concretizzarsi a inizio 2018.
Un’improvvisa e inaspettata accelerazione dopo le recenti tensioni scoppiate tra Regione Lombardia e Provincia di Como e dopo la contestata votazione al processo che ha portato all’approvazione con una maggioranza (62%) di poco inferiore alla soglia prevista (66,7%).
Fatto che ha creato uno stallo e infinite discussioni con lo spettro di un affidamento futuro della gestione dell’acqua, tramite bando, a società private. La situazione, ancora ingarbugliata, ha subito uno scossone martedì pomeriggio. Giorno in cui in Regione Lombardia si è tenuta una riunione molto tesa. Seduti intorno a un tavolo il presidente della Provincia di Como, Maria Rita Livio, il vicepresidente del Controllo analogo di Como Acqua srl Fabio Bulgheroni, Piergiacomo Micalef presidente di Como Acqua, i consiglieri regionali comaschi, il sottosegretario regionale e coordinatore provinciale di Forza Italia Alessandro Fermi e i funzionari di Palazzo Lombardia. Ma come si è arrivati a questo serrato faccia a faccia che sembra rilanciare in tempi brevi l’ipotesi fusione? Va ricordato innanzitutto che oltre alla mancata nascita della società – causata principalmente dal contestato “no” del Comune di Como – la tensione era salita alle stelle dopo la richiesta del sindaco di Como di verifica delle perizie di stima di alcune società chiamate a fondersi per valutare l’iter messo in essere per arrivare alla nascita di Como Acqua.
E sulla questione Regione Lombardia era stata netta, evidenziando «un’importante carenza di dati e di trasparenza sia a livello di elaborazione preliminare della procedura di fusione prescelta, sia di valutazione dei suoi effetti tra i soggetti interessati. Oltre alla mancanza di un business plan». Una miscela esplosiva che aveva portato la Provincia di Como a vedere ingerenze da parte di Regione Lombardia e aveva spinto diversi sindaci a protestare animatamente.
Una tensione che sembrava difficilmente gestibile fino a martedì. Dall’incontro infatti sarebbe emersa la volontà – in accordo con le altre parti – da parte di Regione Lombardia di fornire supporto tecnico. Un aiuto – come accaduto per la prima perizia analizzata – per capire eventuali problemi presenti nelle perizie delle società pubbliche attive nel settore della gestione dell’acqua e che dovrebbero fondersi in Como Acqua. La volontà sarebbe dunque quella di eliminare eventuali incertezze così da spingere anche i comuni dubbiosi – a partire da Como – a rivedere la proprie posizioni. Un procedimento realizzabile in poche settimane con il preciso scopo di riportare in votazione la fusione a inizio anno con la certezza pressoché totale di ottenere il via libera tanto atteso.
«L’intento è quello di riprendere in mano l’iter che ci porterà alla fusione – spiega il presidente della Provincia di Como – La riunione è servita a questo scopo oltre a un chiarimento tra i vari soggetti coinvolti. Ora servirà la collaborazione di tutti per raggiungere l’obiettivo comune. Il tempo c’è e già entro l’anno si potranno fare passi avanti». La macchina si è dunque rimessa in moto e già nei prossimi giorni è annunciata una nuova riunione in Regione. L’assemblea dei sindaci della Provincia di Como intanto non si ferma. La preoccupazione per la mancata nascita di Como Acqua e le tensioni tra Regione e Provincia ha infatti spinto l’unione dei sindaci a chiedere quanto prima un incontro pubblico con l’assessore regionale all’Ambiente Claudia Maria Terzi.

30 novembre 2017

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto