Doppia rapina a pochi minuti l’una dall’altra. La prima in un bar di Carimate, la seconda a Mariano Comense in una sala slot. Toni Mazzeo, 40enne di Carugo, era ai “domiciliari” ma il 3 luglio 2016 decise di uscire in sella a una moto e, armato di pistola e con il volto coperto da un casco integrale, assaltò le due attività commerciali. Per quei due colpi, che portarono a un bottino complessivo superiore a 3mila euro, l’uomo ha rimediato ieri – in abbreviato, quindi con lo sconto di un terzo della pena – otto anni di reclusione. La sentenza è stata letta dal giudice dell’udienza preliminare Ferdinando Buatier de Mongeot.

Due le rapine contestate. La prima in un bar di Carimate. Un uomo, con la pistola in pugno, i guanti e un giubbetto a maniche lunghe con una sciarpa bianca al collo, entrò tenendo l’arma bene in vista per poi scappare con un bottino di 500 euro. Assalto replicato poi in una sala slot di Mariano dove il bottino fu ben più pesante, 2.900 euro. Le indagini, guidate dai carabinieri di Seregno, portarono a identificare il responsabile, già ben noto alle forze di polizia, che poi fu arrestato. Emerse tra l’altro che il sospettato si trovava ai domiciliari. La vicenda si è conclusa ieri mattina con la condanna a otto anni di cella.