«Il video? Altro che virale…», commentava tronfio. E in effetti aveva ragione. Il video è stato talmente virale che è finito nelle mani degli agenti della Stradale che in quel “Valentino Rossi dei poveri” hanno riconosciuto il ragazzo che era scappato a un controllo effettuato il 9 agosto sul lungolago. Così ieri mattina, immaginiamo con un sorriso sul volto date le circostanze, gli agenti si sono presentati a casa del ragazzo che – in sfregio a tutto e tutti – aveva anche postato il video sulla Rete. Il 19enne, che abita a Montorfano, è stato denunciato a piede libero per resistenza a pubblico ufficiale e per una serie infinita di infrazioni al codice della strada compiute mentre scappava dalla polizia approfittando del traffico cittadino.
In totale sono 117 i punti che il ragazzo ha mandato in fumo nella fuga iniziata sul lungolago e terminata a Lazzago dopo aver raggiunto Monte Olimpino e San Fermo.
Il giovane, secondo quanto è stato possibile ricostruire, viaggiava in sella a una moto senza targa e per questo era scappato al controllo della pattuglia della stradale. Una fuga a velocità folle ripresa integralmente dalla telecamera che il ragazzo aveva sul casco. Il 19enne ha però deciso di andare oltre, aggiungendo al filmato effetti speciali e di scherno alla polizia, e postando il video sulla Rete vantandosi delle proprie “prodezze”.
Frasi ironiche del tipo «mi dissocio dalle azioni svolte in questo video… buona visione», «eh niente siamo a Como, qua manca una cosa fondamentale… si esce senza targa» e un perentorio «non mi prenderanno…» nonostante «la moto mezza spompa perché ancora con il vecchio pistone…».
La moto viene intercettata anche a San Fermo: «Sono sempre loro… quanto c… mi stanno inseguendo?», dice ancora il 19enne. Che poi, dopo ogni tipo di infrazione al codice della strada, si lamenta con un automobilista per una svolta non segnalata: «La freccia!!!».
«E ora torniamo a casa… ahahah…», se la ride il ragazzo. Solo che a casa ad attenderlo c’erano gli agenti della polizia stradale di Como e l’ultima risata è stata la loro.
L’epilogo della vicenda è per forza di cose penale: il 19enne di Montorfano è stato denunciato alla Procura della repubblica, la moto e il casco sono stati sequestrati, la patente “stracciata” ed è stato pure segnalato al Prefetto in quanto assuntore di sostanze stupefacenti.
Addosso aveva infatti un piccolo quantitativo di marijuana. Giusto per non farsi mancare nulla.
Mauro Peverelli