Giovanni Gastel

Giovanni Gastel

Un grande maestro della fotografia contemporanea legato al Lario, Giovanni Gastel, esporrà presto a Como. La sua autobiografia  si intitola “Un eterno istante” ed è uscita da Mondadori. Si intitolerà così anche la mostra che il maestro terrà a Como al Broletto in piazza Duomo, con una sintesi dei suoi racconti per immagini tra arte, moda e poesia, dal 26 maggio al 17 giugno prossimi.

“La mostra di Como si articolerà in due sezioni – dice Gastel –  una dedicata alle foto più iconiche della mia lunga carriera, e la seconda a una selezione di foto appartenenti alla ricerca Angeli caduti, un portfolio che tratta organicamente  e poeticamente della presenza degli angeli caduti sulla terra. Li cerco mi sembra di vederli ovunque. Specchio e simbolo del nostro essere terreno”.
Anche i ricordi di Giovanni Gastel, quelli consegnati alle pagine dell’autobiografia, sono quadri, o meglio vivide fotografie a colori che fermano attimi di vita passata: l’infanzia dorata trascorsa tra Milano e la splendida casa di famiglia di Cernobbio (dove visse e lavorò lo zio regista, il grande Luchino Visconti), gli incontri con il gotha della cultura mondiale, gli anni difficili della scuola, la scoperta dell’amore per la fotografia e i timidi esordi da assoluto autodidatta a dispetto del padre che lo voleva laureato. E poi la famiglia, gli amici, i colleghi, i collaboratori… di tutti Giovanni tratteggia un ritratto preciso spesso affettuoso, sempre indulgente.

Una vita consacrata al bello, all’eleganza, alla poesia quella di Gastel. La sua mostra con le  fotografie scattate nel corso dei suoi quarant’anni di professione sarà come detto in una cornice prestigiosa come il Broletto, palazzo di epoca medievale, già sede delle istituzioni comunali e ora utilizzato per manifestazioni e come sede espositiva che mantiene ancora tutto il fascino dell’epoca di costruzione.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*