«Aumenteranno le iniziative, le persone coinvolte e anche gli sponsor. Ci sono tutti gli ingredienti per una grande edizione 2017 del Palio del Baradello». Laura Bordoli, da quattro anni presidente del comitato organizzatore della manifestazione di fine estate non nasconde la sua soddisfazione. Tanti i dati positivi esposti in sede di presentazione.
«Siamo alla trentasettesima edizione – ha spiegato – e il mio obiettivo è arrivare alla numero 40 in costante crescita. Poi, a quel punto, passerò la mano a qualche giovane con voglia di fare».
Il via dell’evento è fissato per il 30 agosto, la conclusione il 24 settembre. Sarà un mese consacrato, non soltanto alle tre gare tra i dieci borghi, ma anche a una lunga serie di eventi che punteranno a far riscoprire la Como medioevale e le sue antiche tradizioni. Alcune manifestazioni sono confermate; altre ne sono state aggiunte in un calendario che si annuncia molto intenso.
La partenza, dunque, sarà mercoledì 30 agosto, alla vigilia della festa del patrono di Como, Sant’Abbondio, con la partecipazione dei capitani dei borghi ai riti religiosi e la consegna di un cero votivo. Il successivo sabato 2 settembre spazio allo sbarco del Barbarossa dalle Lucie, al giuramento dei capitani, a un aperitivo medievale e ad una serie di spettacoli con artisti di strada. Alla domenica, poi, la prima gara, quella delle Lucie, abbinata a una festa per le famiglie nella zona del Tempio Voltiano.

Il successivo fine settimana (9 e 10 settembre), al sabato, oltre alla tradizionale cena al Broletto, ci sarà la novità della celebrazione di un matrimonio medioevale. Il giorno dopo seconda gara, la “carriolana”.
Sabato 16 un’altra “prima”, una grande festa in piazza Volta e nelle vie circostanti, con spettacoli, laboratori e incantatori di serpenti che arriveranno dall’Abruzzo. Una giornata che sarà suggellata dalla terza e ultima prova, il tiro alla fine.
Un Palio che andrà a concludersi con la sfilata storica del Barbarossa per le vie della città (domenica 17, anche con uno speaker che tradurrà in inglese per i turisti) e il successivo giorno 24, con la tradizionale festa al Castel Baradello.