a L’intervento di soccorso dopo l’incidente di Pasqua (foto Silvio Sandonini)

Inverigo e Lambrugo in lutto per la morte di un motociclista di 45 anni, vittima nel giorno di Pasqua di un tragico schianto avvenuto a Varenna, nel Lecchese. L’uomo era in sella alla sua moto quando, per cause ancora al vaglio della polizia stradale di Lecco, si è scontrato con un altro centauro. Un impatto violento, che non ha lasciato scampo al comasco. Ricoverato in condizioni serie l’uomo che viaggiava sull’altra moto. La vittima dello schianto è Massimo Pozzi, residente a Inverigo, titolare di un’autofficina a Lambrugo, dove vivono la mamma e la sorella. Il 45enne era un grande appassionato di motori e un motociclista esperto.

Il pomeriggio di Pasqua era in sella alla sua Ducati, da solo. Stava percorrendo la strada provinciale 72 del lago quando, in territorio di Varenna, nel Lecchese, si è scontrato con un’altra moto sulla quale viaggiava un 62enne. L’impatto è stato molto violento e le condizioni del comasco sono apparse subito gravissime. A Varenna sono intervenute l’automedica del 118, l’ambulanza e anche l’elisoccorso, ma per Massimo Pozzi non c’è stato nulla da fare. È ricoverato in condizioni serie ma non sarebbe in pericolo di vita il 62enne coinvolto nello schianto. La polizia stradale di Lecco sta analizzando la dinamica dello scontro.

Anna Campaniello