La partenza da Como del Giro di Lombardia  2016 (Nassa)

Il Ghisallo. E poi Muro di Sormano, Civiglio e San Fermo della Battaglia prima della discesa finale su Como e lo spettacolare arrivo in piazza Cavour.
È il finale preferito dagli addetti ai lavori, quello che per il Lago di Como è una fantastica vetrina a livello nazionale e internazionale.
Il “Giro di Lombardia”, o “Il Lombardia” – come è stato denominato in anni recenti – nel 2017 ritrova la linea del traguardo a Como, in piazza Cavour.
L’accordo, come è noto, è con Bergamo. Le due città si scambiano, negli anni, partenza e traguardo. L’anno scorso il via della corsa fu dato dal centro storico della città lariana. Nel 2017 la “classica delle foglie morte” scatterà in terra orobica e terminerà sulle rive del lago, con il finale su colli e montagne del Triangolo Lariano entrati nella storia dello sport del pedale, oltre all’ascesa verso Civiglio e San Fermo della Battaglia.

Le fasi preliminari del Lombardia 2016 in piazza Cavour

Appuntamento fissato per sabato 7 ottobre. E non solo: perché il giorno dopo torna la “Gran fondo”, fortemente voluta dagli organizzatori di Rcs Sport, un evento che richiamerà amatori da tutto il mondo e che si concluderà, al pari del “Lombardia”, sullo stesso punto della competizione dei Professionisti.
In questo caso il percorso completo deve essere ancora definito.
E se il Giro d’Italia in questa sua edizione toccherà fugacemente il Lario, per il “Lombardia” la nostra città e il suo territorio saranno ancora una volta al centro dell’attenzione.
Lo scorso anno fu emozionante assistere alle fasi di partenza, peraltro precedute da una serie di eventi collaterali, come la consegna del Premio Vincenzo Torriani alla Canottieri Lario, evento che ebbe tra gli ospiti Vincenzo Nibali, Giorgio Squinzi e il direttore del Giro d’Italia Mauro Vegni.

Il trionfo di Vincenzo Nibali al “Lombardia” 2015 (foto Rcs/Angelo Carconi)

E proprio Nibali l’anno prima, nel 2015, era stato protagonista al “Lombardia”, con una stupenda vittoria, conquistata con una fuga caratterizzata da una discesa mozzafiato da Civiglio verso il centro di Como.
Del resto in piazza Cavour hanno sempre vinto personaggi di alto livello, da quando, nel 2004, è stato ripristinato il traguardo nel cuore della città lariana dopo una pausa di vent’anni (l’ultimo successo a Como era stato di Bernard Hinault nel 1984).
L’albo d’oro parla chiaro, con le affermazioni di Damiano Cunego (2004, 2007 e 2008), Paolo Bettini (2005 e 2006), il belga Philippe Gilbert (2009 e 2010) e Vincenzo Nibali (2015).
Il comitato locale comasco, capitanato da Paolo Frigerio, è già al lavoro al fianco di Rcs Sport. «Al di là dell’arrivo a Como del “Lombardia” – spiega – siamo molto contenti per il fatto che il giorno dopo anche la “Gran fondo” termini in piazza Cavour. Un evento di assoluta rilevanza, con due giornate in cui sarà consolidato lo storico legame tra il territorio comasco e il ciclismo».
«Quest’anno, purtroppo, avremo una motivazione in più per fare bene – conclude Paolo Frigerio – Purtroppo pochi mesi fa è scomparso Giuliano De Santis, da sempre per noi collaboratore insostituibile. Daremo il meglio anche nel suo nome e troveremo il modo per ricordare la sua figura proprio nel giorno della gara».

 

Mondiali di ciclismo su strada, nuova candidatura del Ticino: ipotesi 2021 per la gara iridata