Primo atto ufficiale per far partire la rivoluzione del servizio mense negli istituti scolastici nel territorio del comune di Como a partire da settembre.
È partita la corsa per l’affidamento dell’appalto con la pubblicazione, sulla Gazzetta della Comunità europea, del bando per l’esternalizzazione del servizio di ristorazione scolastica. Nella giornata di lunedì il bando sarà poi pubblicato – salvo ritardi tecnici – nella versione italiana e si potrà leggere sul sito di Palazzo Cernezzi, www.comune.como.it, nella sezione “Albo pretorio”.
«L’importo complessivo dell’appalto è di 15 milioni nei 5 anni e 6 mesi», ha spiegato  il dirigente del Comune di Como Giuseppe Ragadali. La scadenza per la presentazione delle offerte è fissata al 14 giugno, mentre il giorno successivo si aprirà la seduta. Se i tempi saranno rispettati, la consegna del servizio dovrebbe avvenire all’inizio del mese di agosto, in tempo con l’avvio delle lezioni del nuovo anno scolastico.
La “Gara europea a procedura aperta” per la ristorazione scolastica sarà, come si legge sul bando, «a decorrere dall’inizio dell’anno scolastico 2018-2019 e per la preparazione e consegna pasti a domicilio», a partire dal 1° settembre di quest’anno.
Il valore stimato nel dettaglio è di 15 milioni e 275.928 euro, Iva esclusa.

L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola domenica 13 maggio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*