Nel corso dell’incontro di fine anno dei vertici della Pallacanestro Cantù con la stampa – ieri nella sede di Cermenate –  il dirigente Andrea Mauri, che si sta occupando in prima persona della ristrutturazione del palasport Pianella, ha fatto il punto della situazione. Il tema, l’altro ieri, è stato al centro di un incontro con il governatore regionale Roberto Maroni.
«Abbiamo chiuso la fase più delicata del progetto, che era la ricerca e l’acquisizione dei terreni per i parcheggi», ha spiegato Mauri.

I prossimi passi saranno la sottoscrizione della convenzione con il Comune di Cucciago, l’analisi del progetto da parte dei tecnici (che dovrebbe durare 4-5 mesi) per poi passare alla fase esecutiva, ossia la costruzione del nuovo impianto e il perfezionamento della viabilità circostante. Per quanto riguarda i tempi, si parla di lavori che potrebbero iniziare alla fine di quest’anno o, al massimo, all’inizio del prossimo. Rispetto a quanto era stato annunciato, i tempi sono scalati di qualche mese. Quindi la struttura potrebbe essere pronta per la fine del 2018 o a gennaio-febbraio del 2019. Tra le soluzioni allo studio, l’ipotesi che da un punto di vista energetico l’impianto possa essere completamente indipendente. Anche sotto questo profilo sono in corso di valutazione alcune soluzioni innovative.
«Ci stiamo muovendo in maniera oculata sotto ogni profilo» ha chiuso Mauri.