Una gara appassionante, con tre contendenti pronti a darsi battaglia, domani, per la vittoria finale. La prima giornata del Rally Aci Como-Etv – iniziato con un minuto di silenzio in memoria delle vittime di via per San Fermo e l’annullamento dello shakedown in segno di cordoglio – ha regalato un duello tutto da vivere per la prima posizione.
Quattro, le prove speciali andate in scena; oggi sono in programma i cinque tratti cronometrati nelle valli Intelvi e Cavargna, che definiranno la classifica.
I bresciani Stefano Albertini e Danilo Fappani, su una Ford Fiesta Wrc, hanno chiuso al comando con 3” sul comasco Corrado Fontana (con Nicola Arena, Hyundai Ng I20 Wrc), e con 10” sui veneti Marco Signor e Patrick Bernardi con la Ford Fiesta Wrc. A 16’’ insegue il veneto Manuel Sossella (pure su Fiesta), pronto a giocare le sue carte, con il copilota Lele Falzone su tratti cronometrati a lui congeniali. È invece quinto il pilota di casa Paolo Porro, quinto a 23”8 con un’altra Fiesta Wrc.
Una corsa che ha preso il via da piazza Cavour con i piloti e copiloti ancora attoniti per quello che è successo questa mattina, visto che lo shakedown – la prova delle vetture – era poco distante dal tragico fatto di cronaca.
Poi la concentrazione è stata tutta sulla gara, con la sempre apprezzata partenza da piazza Cavour – con il presidente dell’Aci Enrico Gelpi a fare gli onori di casa -e i tratti cronometrati “Nesso-Zelbio” e “Ghisallo” dove sono arrivati tre successi parziali di Albertini e uno di Fontana.
Di altissimo livello anche la corsa delle vetture storiche con una serie di concorrenti che vantano un curriculum invidiabile. Dopo quattro prove comanda il campione europeo Lucio Da Zanche (con Egle Vezzoli), su Porche 911 alle sue spalle Enrico ed Emma Melli (stessa vettura) a 16’’3. Applausi e tifo per Carlo Galli, tre volte vincitore del Rally Aci Como, che è sesto, pure con una 911. Un ottimo risultato se si considera che da anni non corre e questo è stato un apprezzatissimo ritorno alle competizioni.
L’approfondimento sul Corriere di Como in edicola sabato 21 ottobre