Uno spettacolo il 36° Rally Aci Como-Etv. Non solo la gara del Campionato Italiano Wrc, ma anche quella Storica e il Rally Nazionale. E poi i tanti appassionati che hanno seguito la corsa, sulle prove e all’arrivo in piazza Cavour, dove c’erano come spettatori rallisti di livello mondiale: l’irlandese Craig Breen, a fianco della pilotessa comasca Tamara Molinaro, e il finlandese Sebastian Lindholm, che ha seguito il figlio Emil, concorrente della gara lariana, che – abituato agli sterrati del suo Paese – ha voluto mettersi alla prova in una gara su asfalto. Una bella cornice, con il presidente dell’organizzazione, Enrico Gelpi, decisamente soddisfatto. Al suo fianco, alle premiazioni, esponenti di istituzioni e forze dell’ordine, capitanati dal prefetto di Como Bruno Corda. Tutto, alla fine, è andato bene, in una due giorni che non era iniziata con il piede giusto. Venerdì, infatti, lo shakedown era stato annullato in segno di lutto per la tragedia familiare di via per San Fermo.

Il vincitore assoluto della corsa del Tricolore Wrc, la più importante, è stato Stefano Albertini. Il pilota bresciano, classe 1986, in coppia con Danilo Fappani su Ford Fiesta Wrc-Mirabella 1000 Miglia ha tagliato il traguardo dell’ul – tima prova speciale con 9’’5 di vantaggio su Marco Signor, navigato da Patrick Bernardi su Ford Fiesta Wrc, vincitore dell’edizione 2016. Terzo gradino del podio per Manuel Sossella, vincitore della gara lariana nel 2014 e 2015. Albertini – terzo nel 2016 – quest’anno ha condotto tutta la gara in vantaggio: al termine del primo giorno, l’unico in grado di impensierirlo sembrava essere Corrado Fontana (in coppia con Nicola Arena su Hyundai I20), ma il pilota comasco – che dopo la quarta speciale era ad appena tre secondi dal leader – si è ritirato nel primo passaggio sulla Val Cavargna, la sesta prova speciale. Primo dei lariani al traguardo è stato alla fine Paolo Porro, quarto assoluto, in coppia con Paolo Cargnelutti, pure su Fiesta.

Tra le note della giornata, il premio in ricordo del giovane Luca Selva – scomparso nel 2014 a 18 anni – andato al già citato finlandese Emil Lindholm e al navigatore Mikael Korhonen, quali migliori Under 25. Applausi, selfie e qualche autografo per Paulo Nobre, brasiliano ed ex presidente della squadra di calcio del Palmeiras, che si è concesso una trasferta motoristica in Italia, su invito di suoi amici della nostra zona.

Il rally storico, novità di quest’anno, è andato al già campione europeo Lucio Da Zanche su Porsche 911, in coppia con Egle Vezzoli, che ha dedicato la vittoria a Giulio Oberti, suo navigatore, scomparso pochi mesi fa. L’equipaggio Ivan Tenca-Moira Lucca su Skoda Fabia Vs Corse si è invece aggiudicato il Rally Nazionale Aci Como. Tenca e Lucca sono passati in testa dalla seconda prova: nella prima si erano imposti i grandi favoriti, Marco Silva e Gianni Pina, su Citroen Ds3, bloccati però nei metri finali di questo tratto dalla rottura dell’idroguida.

Massimo Moscardi