Il questore: «Il 90% dei ladri arriva da fuori provincia»
(f.bar.) La realtà è purtroppo ben nota e ovviamente tenuta sotto controllo dalle forze dell’ordine. «In effetti il territorio comasco rappresenta un’attrazione per la criminalità. L’idea che si tratti di una zona ricca c’è sempre stata e continua a resistere. Una provincia dove il benessere è diffuso, sicuramente più un tempo che ai giorni nostri, può rappresentare un incentivo in più per i malintenzionati. Anche se spesso chi entra in una casa, alla fine va via senza aver trovato molto da rubare». Sono queste le prime parole del questore di Como, Michelangelo Barbato, nel commentare i dati pubblicati dal “Sole 24 Ore” ed elaborati in base alle statistiche del ministero dell’Interno.
«Non mi stupiscono dunque questi numeri – aggiunge il questore – Va inoltre considerato come la vicinanza con la provincia di Milano faccia arrivare nella Bassa Comasca, ma anche in altre aree, molta criminalità dall’hinterland milanese che colpisce qui e va subito via. E i riscontri dimostrano come nel 90% dei casi gli autori dei furti arrivino appunto da fuori Como». La presenza delle forze dell’ordine «sul territorio c’è ed è costante. Agiamo a difesa della provincia con il massimo sforzo di uomini e mezzi», conclude Barbato.

Nella foto:
Il questore di Como, Michelangelo Barbato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*