Torna a casa il ritratto di Vespasiano Gonzaga
Città, Cultura e spettacoli

Torna a casa il ritratto di Vespasiano Gonzaga

Il "Ritratto di Vespasiano Gonzaga" del 1559 Il “Ritratto di Vespasiano Gonzaga” del 1559

Nell’ambito del processo di rivalorizzazione della Pinacoteca Civica di Como, sabato 21 aprile alle ore 15 a Palazzo Volpi in via Diaz 84  si terrà l’incontro “Il ritratto di Vespasiano Gonzaga. Misteri e scoperte dietro un capolavoro”, organizzato in occasione del rientro a Como dell’omonima opera (Ritratto di Vespasiano Gonzaga, all’età di ventotto anni – 1559) che negli ultimi mesi è stato in prestito a Mantova per la mostra “Città ideali dei Gonzaga”.

Durante l’incontro verranno presentate al pubblico le ultime scoperte e ricerche sull’opera, proveniente da Villa Olmo all’epoca dei Visconti di Modrone e trasferita poi in Museo nel 1991: un’indagine diagnostica non invasiva effettuata dal laboratorio specializzato dell’Università di Verona e gli studi compiuti sulla tavola da noti storici dell’arte hanno confermato l’attribuzione del dipinto in ambito italiano, come opera di Bernardino Campi (Reggio Emilia, 1521 – 1591) invece che del fiammingo Anthonis Mor, come ritenuto precedentemente.

In esclusiva, verrà inoltre presentata al pubblico la ricostruzione tridimensionale del volto di Vespasiano, opera dell’artista Gabriele Mallegni, realizzata grazie ad uno studio paleoantropologico sui resti mortali del Gonzaga, il cosiddetto “Protocollo di Manchester”, un metodo internazionale che partendo dalla forma del cranio permette la restituzione dei tratti del viso con un altissimo grado di somiglianza.

Il dipinto, olio su tavola del 1559, è una delle opere più preziose e conosciute della Pinacoteca civica. Ritrae il duca di Sabbioneta in età giovanile, con i simboli del potere e del mestiere: in armatura, indossa la fascia che indica il suo grado d’ufficiale e di comandante e poggia la mano sinistra su una colubrina. Sul petto il simbolo dell’aquila, mentre tra le decorazioni della corazza, si legge la data 1559, anno di esecuzione. La qualità tecnica e pittorica è davvero elevata: il naturalismo con il quale sono eseguite le mani, la mobilità delle luci sul volto e il gioco delle lumeggiature saettanti sulla fusciacca che attraversa l’armatura, rendono l’opera un capolavoro assoluto.

L’incontro è libero e aperto a tutta la cittadinanza.

14 aprile 2018

Info Autore

Lorenzo

Lorenzo Morandotti lmorandotti@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Calendario
luglio: 2018
L M M G V S D
« Giu    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto