Il cartello di divieto di accesso in via Milano Alta

Il cartello di divieto di accesso in via Milano Alta

Via Milano Alta riapre. Dal primo luglio fino al 31 ottobre stop al divieto di accesso dalle 7 alle 9 per verificare la capacità della città di reggere il flusso veicolare. «Un primo seppur piccolo obiettivo è stato raggiunto. Ora però non bisogna fermarsi». A parlare è Stefano Vicari, coordinatore cittadino di Forza Italia, nonchè agguerrito commerciante della zona che da tempo si batte per togliere il divieto e per rendere più accessibile via Milano Alta ai cittadini e ai potenziali acquirenti di passaggio.
«Era stata fatta una promessa in campagna elettorale ed è stata mantenuta. Questo è un segnale sicuramente molto positivo. Ora però dobbiamo andare avanti e ripensare la zona nel suo complesso – spiega sempre Stefano Vicari – Entro breve sarà infatti altrettanto decisivo far partire anche la sperimentazione di cui si stanno affinando i dettagli in Comune per la rotonda da collocare in piazzale San Rocco. Altro tassello importante per capire e vedere come questi due interventi potranno snellire e migliorare la viabilità nel complesso».
Si parte dunque il primo luglio con via Milano Alta. Il periodo scelto per la sperimentazione consentirà di monitorare la situazione del traffico sia durante un lasso di tempo con le scuole chiuse sia alla riapertura degli istituti a settembre.
Inoltre i risultati che emergeranno da questa fase di sperimentazione saranno molto utili e andranno a confluire anche nel nuovo piano del traffico che è attualmente in fase di redazione. «La sperimentazione darà sicuramente esiti positivi. Io per anni ho vissuto in prima persona questa realtà e il divieto non serve. Certo, lo ribadisco, va fatto anche dell’altro. Senza dimenticare anche il futuro del parcheggio della Ticosa che sarebbe decisamente utile», chiude Vicari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.