Le auto e le moto d’epoca, i gioielli del design di oggi, i tanti “vip”, il magico sfondo del Lago di Como: il fascino di una manifestazione di spesso mondiale. Il prossimo fine settimana sarà quello del “Concorso d’Eleganza Villa d’Este”. Un evento nato nel 1929, che negli anni ha conservato inalterato il suo fascino e che, pur mantenendo la sua esclusività, ha avuto il merito di aprire anche al grande pubblico. Il canovaccio del Concorso non cambia. A Cernobbio, tra Villa d’Este e Villa Erba, saranno in mostra auto e moto che hanno scritto le pagine di storia della mobilità, oltre ai prototipi del futuro.

Domani a Villa d’Este le auto d’epoca che partecipano all’evento sfileranno e saranno valutate dalla giuria tecnica. In questo caso l’in – gresso sarà ad inviti. Sempre domani, però, altre auto (tra cui quelle che parteciperanno all’asta di Sotheby’s) e moto saranno esposte a Villa Erba, che sarà aperta al pubblico dalle 10 alle 16 (costo dei biglietti 10 euro, 8 ridotto). Domenica, invece, dalle 9.30 alle 17.30, tutti i mezzi saranno riuniti a Villa Erba (biglietto a 16 euro, 12 ridotto) con la sfilata finale. Di fatto si tratta di un Concorso, quindi per ogni categoria ci saranno votazioni che eleggeranno le vetture e le moto più apprezzate da addetti ai lavori e spettatori.

L’evento 2017 sarà ispirato a Jules Verne e al suo romanzo “Il giro del mondo in 80 giorni”. Sono state accreditate 52 auto storiche in rappresentanza di 30 marchi. Le più presenti? Le Ferrari (7), seguite da Lancia e Bentley (4), Maserati, Mercedes e Alfa Romeo (3). Il mezzo più “anziano”, una Lancia costruita nel 1908. Le motociclette saranno invece 40. Il Concorso è organizzato congiuntamente da Bmw e Villa d’Este, ma non va dimenticato che nella prima edizione, nel 1929, fu promosso dall’Aci di Como. E proprio per questo motivo il presidente dell’ente Enrico Gelpi domani premierà l’auto venuta più da lontano sulle sue ruote con una targa speciale.

Una kermesse, quella cernobbiese, che sarebbe però riduttivo considerare soltanto da un punto di vista motoristico. Perchè il “Concorso d’Eleganza” rimane un evento glamour, che richiama “vip” e facoltosi ospiti, oltre che esponenti di stampa e tv che diffonderanno le immagini in tutto il mondo. È folto l’elenco dei personaggi noti che si sono visti in passato grandi appassionati di vetture d’epoca: l’attore inglese Rowan Atkinson (alias Mister Bean), il batterista dei Pink Floyd Nick Mason, il campione del mondo di Formula 1 Jackie Stewart e l’imprenditore e personaggio televisivo Joe Bastianich. Per quest’anno sono annunciati in giuria il bassista dei Coldplay Guy Rupert Berryman, la modella Yasmin Le Bon (moglie di Simon Le Bon dei Duran Duran, che potrebbe anche accompagnarla), Derek Hill (figlio di Phil Hill, iridato in F1 nel 1961). Sfilerà invece con una Duesenberg Ion Tiriac, ex tennista e manager di Boris Becker.

Massimo Moscardi

Concorso d’Eleganza 2017: Jules Verne è l’ispiratore

Comments are closed.