Cronaca

L’ultimo addio degli amici a Greta con un girasole tra le mani

1a-funeraliIeri ai funerali la commozione dei compagni del liceo Melotti

(l.o.) Dolore e commozione a Cadorago. Alle 15.30 precise di ieri, la bara di Greta Lazzari ha fatto ingresso sul piazzale della chiesa parrocchiale di San Martino, a Cadorago. Ad accoglierla c’era tutto il paese: amici, parenti e semplici conoscenti, che con la loro presenza hanno voluto esprimere il loro sostegno ai familiari. I compagni di classe e gli studenti del liceo artistico Melotti di Lomazzo, la scuola frequentata dalla giovane, l’hanno accolta per l’estremo saluto con un girasole tra le mani.

 Sulla cancellata dell’oratorio invece, sventolavano due enormi cartelloni dedicati alla giovane con tutte le firme e una dedica dei ragazzi di 5F, la classe di Greta. 

«Ci sono due sentimenti che dominano il cuore da quando Greta ci ha lasciati: dolore e stupore – ha esordito nell’omelia don Angelo Gasparri, il parroco – Dolore dei suoi familiari che improvvisamente e in modo drammatico si sono incontrati con il mistero della vita. Non è più possibile guardare negli occhi Greta, parlarle, accompagnarla verso la maturità, godere della sua compagnia, sentire la casa piena della sua presenza. La mancanza di una persona cara scava nel cuore solitudine, grande amarezza, dolore».
«Chiediamo al Signore della vita che l’accolga fra le sue braccia misericordiose – ha aggiunto don Angelo – Affidiamo a lui l’anima di Greta, in attesa di vederla un giorno nella gloria del cielo».
Al termine della funzione, i compagni di classe di Greta hanno voluto ricordare l’amica con una preghiera. All’uscita dalla chiesa, il feretro è stata accolto da un lungo applauso. Mentre i compagni di classe, ciascuno con il loro girasole fra le mani, si disponevano attorno alla bara, il fratello ha liberato nel cielo un gruppo di palloncini bianchi.
Greta è stata quindi accompagnata a spalla al cimitero da parenti e amici, tra le lacrime e il dolore del lungo corteo che l’ha voluta accompagnare alla sua ultima dimora.

Nella foto:
l’arrivo della bara di Greta Lazzari sul piazzale della parrocchiale. (fotoservizio Mattia Vacca)

 

23 ottobre 2014

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto