Cronaca

A Cantù Molteni contro Bizzozero. La corsa sarà ancora in solitaria e l’appello è per gli astenuti

Il parlamentare: «Siamo cresciuti del 4% e c’è chi parlava di caduta»
La campagna elettorale è già ripartita a Cantù. Ventiquattro ore dopo la chiusura del primo turno, i candidati che si sfideranno al ballottaggio, il leghista Nicola Molteni e il leader di Lavori In Corso Claudio Bizzozero, stanno già valutando la strategia migliore in vista della sfida decisiva. L’esponente del Carroccio non esclude alleanze ufficiali, mentre il candidato delle liste civiche, al suo secondo ballottaggio, sembra deciso a correre da solo, senza appoggi esterni. Entrambi scommettono
poi sugli astenuti.
Nella Città del Mobile, la Lega non solo ha tenuto, ma ha addirittura aumentato i consensi, sfiorando quota 18% e diventando il primo partito. Grazie ai voti delle altre liste che lo sostenevano, il parlamentare Nicola Molteni è risultato in assoluto il più votato, con il 25,33% dei consensi. Lo sfidante, sostenuto da sette liste civiche, è al 23,89% delle preferenze.
«Stiamo analizzando la situazione al nostro interno e entro giovedì faremo le necessarie considerazioni – dice Molteni – Al momento ci sono alcuni elementi oggettivi importanti. La Lega ha ottenuto circa 650 voti in più ed è cresciuta del 4%, a dispetto di chi parlava di caduta libera e de profundis. Le liste civiche, poi, hanno dato ciascuna un apporto determinante. Ora, dobbiamo non solo mantenere i consensi raccolti, ma naturalmente aumentarli, chiedendo uno sforzo innanzitutto a quel 40% di cittadini che non si sono recati alle urne e quindi a tutti quegli elettori moderati che non vogliono votare la sinistra».
Ieri sera, intanto, riunione plenaria nel quartier generale di Lavori in Corso. Già entro questa mattina è atteso un pronunciamento definitivo sull’ipotesi di eventuali accordi elettorali. «Personalmente sono convinto che si debba andare avanti per la nostra strada, da soli come abbiamo sempre fatto – anticipa il candidato sindaco Claudio Bizzozero – Chiederemo il voto a tutti i cittadini, esattamente come al primo turno, ma non ha molto senso chiedere ad altri partiti il voto. Il ballottaggio non deve aprire il mercato. La legge elettorale fa sì che al primo turno ci sia un’ampia scelta e che al secondo turno la decisione si riduca a due possibili opzioni. Mercanteggiare è poco dignitoso per chi propone così come per chi deve accettare».
In attesa di conoscere gli assetti definitivi in vista del ballottaggio del 20 e 21 maggio prossimi, ieri è stata la giornata dell’analisi dei voti delle singole liste e di ciascuno dei candidati consiglieri. Il record assoluto di preferenze personali va al leghista Edgardo Arosio, già sindaco di Cantù, con 291 consensi. Nella lista del Carroccio, l’exploit non ha eguali e l’aspirante consigliere che si piazza dopo Arosio, Alessandro Brianza, si ferma a 102 voti. Nessun altro candidato tocca quota 100. In casa Pdl, sul gradino più alto del podio sale l’assessore alla Sicurezza uscente Andrea La Penna, che raccoglie 285 preferenze. Anche in questo caso, netto il distacco degli “inseguitori”, Wolfango Masocco (106) e l’altro esponente della giunta di Tiziana Sala Umberto Cappelletti, fermo a quota 98, superato di 2 punti da Giuliano Cappelletti.
Per quanto riguarda Lavori in Corso, il più votato è Michele Ramella Pralungo, che raccoglie 132 preferenze e supera entrambi i “vice” di Bizzozero Francesco Pavesi, fermo a quota 98, e Luca Delfinetti, che raggiunge le 63 preferenze personali. Nel Pd, il più votato, Vittorio Spinelli raccoglie comunque solo 59 voti. Decisamente numeroso infine l’elenco dei nomi di aspiranti consiglieri affiancati da uno zero alla colonna preferenze.

Anna Campaniello

Nella foto:
Sfida a due anche sotto il campanile di San Paolo, con Lavori in Corso e Lega Nord, gli stessi schieramenti della precedente tornata elettorale amministrativa (anno 2007)
9 Maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto