Cronaca

A Como la nuova Ztl mette in fuga gli svizzeri

altLo speciale di Etv
Le criticità del provvedimento al centro del dibattito in diretta a “Etg+Sindaco”
Due ore di trasmissione serrata e senza un attimo di sosta. Decine di telefonate in diretta. Sei ospiti in studio impegnati in un acceso duello. La puntata speciale di Etg+Sindaco, andata in onda martedì sera su Espansione Tv – e dedicata alla rivoluzione viabilistica conseguente alla nuova Zona a traffico limitato – ha nuovamente posto al centro del dibattito quello che si è dimostrato essere il provvedimento della giunta Lucini più contestato da inizio del mandato.

A difendere la bontà dell’allargamento della zona pedonale il sindaco di Como, Mario Lucini, e l’assessore a Mobilità, Trasporti, Verde e Arredo Urbano di Palazzo Cernezzi, Daniela Gerosa. Sull’altro fronte, i commercianti della città lariana. A rappresentarli Giansilvio Primavesi, presidente di Confcommercio Como, che ha rilanciato – tra le varie proposte – ancora quella di spostare tutti i dipendenti comunali nell’autosilo di Valmulini così da liberare numerosi parcheggi in centro. Polemico anche Claudio Casartelli, presidente di Confesercenti, che ha sottolineato la necessità – a fronte di una simile rivoluzione viabilistica – di un potenziamento del servizio di trasporto pubblico.
Diversi anche i casi e le testimonianze di clienti in fuga da Como. Tra loro anche alcuni svizzeri che, dopo aver passato alcune ore a caccia di un parcheggio, hanno infine puntato su altre mete, abbandonando definitivamente Como. Dal canto loro, sindaco e assessore hanno però ribadito ai commercianti la necessità di impegnarsi nell’informare i propri clienti dell’esistenza di altri posti auto – a partire dagli autosilo – dove poter lasciare le macchine sempre a ridosso del centro.
Discussioni accese anche sui tempi, ritenuti troppo lunghi, necessari per ottenere un pass e sulle difficoltà – testimoniate da Mario Lavatelli, presidente di Acus (Associazione Utenti della Strada) – dei professionisti nell’accedere alla Ztl. In studio era presente anche Nadia Galli di Cna, per la categoria dell’artigianato.
L’incompatibilità di Rapinese
Sempre in tema di Ztl, da segnalare infine che stasera il consiglio comunale è chiamato a votare l’incompatibilità di Alessandro Rapinese, il capogruppo di Adesso Como che figura tra i firmatari del ricorso al Tar contro l’ampliamento della Ztl deciso dalla giunta. L’incompatibilità contestata a Rapinese riguarda il fatto che un consigliere eletto non può avere contenziosi aperti direttamente contro l’ente che rappresenta, nel caso specifico il Comune. Ma ieri la giunta ha preso atto del fatto che Rapinese non è portatore di interessi personali privati nel ricorso al Tar. La delibera che sarà messa in votazione stasera chiede pertanto al consiglio di considerare definitivamente concluso il procedimento di incompatibilità che era stato aperto nei confronti di Rapinese.

Per rivedere integralmente il dibattito:  LINK

Nella foto:
un momento della trasmissione in onda su Etv.
8 Mag 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto