Cronaca

A Drezzo il sindaco rinvia l’approvazione del bilancio

La protesta dei primi cittadini
Il sindaco rinvia l’approvazione del bilancio, in segno di «concreta risposta» a ciò che definisce «una inaccettabile deriva antifederalista».
E si riferisce, in particolare, all’Imu. L’iniziativa porta la firma di Cristian Tolettini, sindaco “ribelle” di Drezzo e segretario provinciale della Lega Nord. In risposta alle parole del ministro dell’Interno Annamaria Cancellieri, che aveva invitato i sindaci a non dimenticare «che portano la fascia tricolore e lavorano per il
Paese», Tolettini reagisce con un duro comunicato pubblicato sul sito del Comune di frontiera.
«Non sarò mai servo di uno Stato che per salvare se stesso sta imponendo provvedimenti sempre più centralisti e livelli di tassazione ormai insostenibili per le nostre famiglie. E, proprio a fronte di questo, aderirò con tutte le mie forze alle iniziative del mio movimento, la Lega Nord, e di tanti miei colleghi sindaci fortemente critici nei confronti di tutto ciò e, in particolare, della nuova Imu. Nel prossimo consiglio comunale (che si terrà martedì 8 maggio 2012), chiederò – scrive Tolettini – di rinviare l’approvazione del bilancio di previsione e con esso le nuove aliquote sulla casa recentemente definite (ma non ancora applicate) quale concreta risposta a questa deriva antifederalista».
Proprio il Carroccio, nei giorni scorsi, aveva invitato i sindaci a una sorta di obiezione fiscale. Tolettini ha rinviato l’approvazione del bilancio mentre il sindaco di Morazzone, il leghista Matteo Luigi Bianchi, è stato citato dai quotidiani nazionali per aver “licenziato” Equitalia. «Equitalia è un fornitore del Comune preposto alla riscossione dei tributi – spiega Bianchi – A nostro giudizio, sentendo anche l’opinione dei cittadini, aveva un atteggiamento persecutorio e inadeguato nei confronti dei contribuenti. Perciò abbiamo rescisso il contratto, risparmiando anche i 9mila euro all’anno che Equitalia tratteneva come provvigione. Sarà il Comune a occuparsi della riscossione dei tributi. Siamo convinti che Equitalia – continua il sindaco di Morazzone (Varese) – non vada a pescare i grossi evasori, ma che spesso si accanisca contro chi non riesce a pagare le imposte perché si trova in effettiva difficoltà. Il cittadino con problemi economici ha bisogno di un interlocutore, di un soggetto con cui approfondire la propria situazione».
«Non si possono mettere le ganasce all’auto di un contribuente che ha perso il posto di lavoro e non riesce a pagare un’imposta. Quel che non ci piaceva – ribadisce Bianchi – era l’atteggiamento di Equitalia: persecutorio».

Andrea Bambace

Nella foto:
Il primo cittadino di Drezzo, Cristian Tolettini (Lega Nord)
5 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto