A Gironico il take away dello spaccio: due arresti

L'auto dei carabinieri

Era una sorta di take away della droga, da acquistare stando comodamente seduti sul sedile dell’auto. Bastava effettuare una telefonata allo spacciatore di turno e poi arrivare con la propria vettura in via Casarico a Gironico. Una sosta di qualche secondo e dal bosco accanto usciva un uomo che consegnava la “spesa” direttamente dal finestrino per poi scomparire tra gli alberi.
Tutto durava pochissimo, nemmeno una decina di secondi. Eppure i carabinieri della stazione di Faloppio da tempo tenevano monitorata la situazione. Un lavoro di verifiche e riscontri che si era intensificato nelle ultime due settimane. Nelle scorse ore è poi scattato il blitz che ha portato all’arresto di due spacciatori – entrambi marocchini di 18 anni, irregolari in Italia – che nel bosco avevano creato il proprio supermercato della droga.
Tutti i gusti potevano essere soddisfatti: a disposizione c’era la cocaina (la più richiesta), ma anche eroina, hashish e marijuana.
I due spacciatori sono stati arrestati e condotti in carcere al Bassone di Albate in attesa di essere sentiti dal giudice delle indagini preliminari.
A pochi passi dalla strada avevano allestito un bivacco di fortuna dove – una volta ricevuto l’ordine via cellulare – preparavano la dose richiesta e attendevano l’arrivo dell’auto. A questo punto, il “pacco” veniva preso da uno dei due marocchini che in pochissimi secondi scendeva lungo la via a consegnare quanto era stato richiesto. Una azione fulminea difficile da monitorare.
Nel corso del blitz sono stati posti sotto sequestro 100 grammi di sostanza stupefacente di vario tipo, più 3.000 euro in contanti, diversi telefoni cellulari e l’attrezzatura per il confezionamento delle dosi.
Non c’era una figura di riferimento tra gli acquirenti. Gli interessati alla droga potevano essere ragazzi, ma anche cinquantenni, in arrivo dalle province limitrofe e pure dalla Svizzera. Nel corso di una giornata potevano essere registrate fino a 40 cessioni di stupefacente. Le indagini dei carabinieri di Faloppio sono ancora in corso per individuare eventuali altri stranieri coinvolti nello spaccio.
Nel corso della conferenza stampa di ieri, successiva agli arresti, i carabinieri hanno voluto anche ringraziare i cittadini per le segnalazioni che si sono rivelate molto utili ai fini dell’inchiesta.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.