A piedi da Anzano in Nuova Zelanda: Moja aggredito in Bosnia

Claudio Moja, 25 anni, di Anzano del Parco Claudio Moja, 25 anni, di Anzano del Parco

La premessa è doverosa: Claudio Moja ora è in un albergo di Zalom, in Bosnia Erzegovina ed è tranquillo. Ma la giornata non è stata facile per il giovane di Anzano del Parco  che in tre anni conta di arrivare a piedi in Nuova Zelanda. Lo hanno scritto i collaboratori del suo staff, che sono costantemente in contatto con il 25enne partito dalla Brianza lo scorso 15 aprile. Moja, dopo aver camminato fra Lombardia, Veneto, Friuli, Slovenia e Croazia ora è, come detto, in Bosnia Erzegovina. Un Paese che lo aveva accolto bene – come lo stesso Claudio aveva raccontato nelle sue seguitissime dirette – ma che oggi, dopo la partenza da Mostar, non è stato molto accogliente.

La partenza di Claudio Moja lo scorso 15 aprile La partenza di Claudio Moja lo scorso 15 aprile

“Più persone si sono avvicinate a lui cercando di rubargli il carretto e i suoi averi, qualcuno ha cercato di attaccarlo dandogli del terrorista (gli hanno detto che barba e carretto fanno proprio pensare a questo), qualcuno ha cercato di trascinarlo via insieme al suo zaino – è stato scritto sulla sua pagina Facebook – Si è molto spaventato e ha detto che ha paura ad attraversare questa e le prossime cittadine. Su invito della polizia, dopo una breve perquisizione, è stato costretto a fermarsi in un albergo dove passerà la notte, nonostante avrebbe preferito dormire sotto alle stelle come piace a lui, lontano da possibili persone pericolose. Nonostante questo, sta bene e ci tiene a rassicurarvi. È arrivato a Zalom e domani ripartirà e proseguirà il viaggio senza paura”.

A piedi dalla Brianza alla Nuova Zelanda. Iniziato il viaggio di Claudio Moja. Le foto della partenza

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.