A scuola di export per superare la crisi economico-industriale

altdi Confindustria Como e Politecnico di Milano

Imprenditori comaschi a lezione di internazionalizzazione con Export Business School, un percorso formativo che ha preso il via ieri e prevede 5 giornate di studio e confronto.
Ben 60 i partecipanti, la metà dei quali lariani e i restanti provenienti da altre province lombarde, titolari di piccole e medie aziende attive nei più svariati settori. il progetto di formazione è stato organizzato da UniCredit e da Confindustria Como, in collaborazione con il Politecnico di Milano e con la Liuc di Castellanza.
Le lezioni si concluderanno il 5 aprile e ieri sono state introdotte

dal seminario Made in Italy: una leva di crescita sui mercati internazionali.
«Nel 2012 le esportazioni delle aziende lombarde sono aumentate del 3,7%, mentre in provincia di Como la crescita è stata dello 0,5% – ha detto Monica Cellerino di UniCredit – La differenza è legata per lo più ai settori predominanti nei singoli territori. Nel complesso, i dati sono comunque buoni e dimostrano la vitalità delle imprese del territorio, ma bisogna fare di più. Diventa sempre più necessario incentivare le imprese del territorio ad allargare il loro business verso i mercati esteri – ha aggiunto – Le aree di potenziale sviluppo sono molte, ma recentemente si sta riscoprendo il mondo europeo, Francia e Inghilterra per esempio. Diversificare il business all’estero è per le nostre aziende oggi la principale strada di uscita dalla crisi nel breve periodo e di crescita nel medio-lungo periodo».
L’Export Business School si propone proprio di fornire agli imprenditori gli strumenti e i metodi per intraprendere nel migliore dei modi la strada dell’export.
«L’apertura ai mercati internazionali diventa sempre più importante – ha detto Alessandro Besana, consigliere di Confindustria Como – è un’esigenza inevitabile per la sopravvivenza delle nostre imprese. Per aprirsi ai mercati è opportuno conoscerli e capire con quali strategie aziendali sia opportuno avvicinarsi. Bisogna saper affrontare le problematiche e il percorso formativo organizzato a Como vuole dare tutti gli strumenti necessari».

A. Cam.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.