Cronaca

A scuola di export per superare la crisi economico-industriale

altdi Confindustria Como e Politecnico di Milano

Imprenditori comaschi a lezione di internazionalizzazione con Export Business School, un percorso formativo che ha preso il via ieri e prevede 5 giornate di studio e confronto.
Ben 60 i partecipanti, la metà dei quali lariani e i restanti provenienti da altre province lombarde, titolari di piccole e medie aziende attive nei più svariati settori. il progetto di formazione è stato organizzato da UniCredit e da Confindustria Como, in collaborazione con il Politecnico di Milano e con la Liuc di Castellanza.
Le lezioni si concluderanno il 5 aprile e ieri sono state introdotte

dal seminario Made in Italy: una leva di crescita sui mercati internazionali.
«Nel 2012 le esportazioni delle aziende lombarde sono aumentate del 3,7%, mentre in provincia di Como la crescita è stata dello 0,5% – ha detto Monica Cellerino di UniCredit – La differenza è legata per lo più ai settori predominanti nei singoli territori. Nel complesso, i dati sono comunque buoni e dimostrano la vitalità delle imprese del territorio, ma bisogna fare di più. Diventa sempre più necessario incentivare le imprese del territorio ad allargare il loro business verso i mercati esteri – ha aggiunto – Le aree di potenziale sviluppo sono molte, ma recentemente si sta riscoprendo il mondo europeo, Francia e Inghilterra per esempio. Diversificare il business all’estero è per le nostre aziende oggi la principale strada di uscita dalla crisi nel breve periodo e di crescita nel medio-lungo periodo».
L’Export Business School si propone proprio di fornire agli imprenditori gli strumenti e i metodi per intraprendere nel migliore dei modi la strada dell’export.
«L’apertura ai mercati internazionali diventa sempre più importante – ha detto Alessandro Besana, consigliere di Confindustria Como – è un’esigenza inevitabile per la sopravvivenza delle nostre imprese. Per aprirsi ai mercati è opportuno conoscerli e capire con quali strategie aziendali sia opportuno avvicinarsi. Bisogna saper affrontare le problematiche e il percorso formativo organizzato a Como vuole dare tutti gli strumenti necessari».

A. Cam.

6 marzo 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto