Como, abbandona vecchio frigorifero nel parcheggio, multata

Il frigorifero abbandonato e altri rifiuti

Una donna tunisina residente a Ponte Chiasso dovrà pagare da 300 a 6mila euro

Una donna originaria della Tunisia residente a Ponte Chiasso è finita nei guai. Multata dopo l’abbandono di un vecchio frigorifero in un parcheggio pubblico tra via Somigliana e via Ortigara. La donna in realtà è solo la proprietaria dell’auto utilizzata per il trasporto dell’elettrodomestico, ma sarà lei a pagare una multa salata.

L'area di sosta prima dell'arrivo dell'auto
L’area di sosta prima dell’arrivo dell’auto


L’identificazione è frutto di un’inchiesta della polizia locale di Como con le guardie ecologiche volontarie. Una telecamera, posizionata in via Ortigara ha ripreso sabato scorso due persone mentre scaricavano il frigorifero da un’auto. La multa per la proprietaria va da un minimo di 300 a un massimo di 6.000 euro. Il frigorifero rientra infatti nella categoria “rifiuti pericolosi”.

L'arrivo dell'auto con i rifiuti
L’arrivo dell’auto con i rifiuti

Per legge, tra l’altro, l’installatore di un nuovo elettrodomestico è sempre tenuto a ritirare il vecchio apparecchio. Se non si ricorre a un’installatore si può comunque portare il vecchio elettrodomestico al centro di raccolta comunale, che tra parentesi, dista pochi metri da via Somigliana e via Ortigara.

Attraverso l’Urp del Comune di Como, in caso di difficoltà si può infine prenotare il servizio di raccolta domiciliare.

I rifiuti abbandonati e l'auto che lascia il parcheggio
I rifiuti abbandonati e l’auto che lascia il parcheggio



«Questo intervento – spiega l’assessore alla Polizia locale e Sicurezza Elena Negretti – rappresenta una conferma ulteriore del valore della collaborazione tra la nostra polizia locale e i volontari, che mettono a disposizione il proprio tempo e le proprie competenze nell’interesse di tutta la città». L’assessore auspica il coinvolgimento attivo della cittadinanza in questa “battaglia”. «Ringraziamo – conclude – gli agenti della polizia locale, la Protezione civile e le Gev per l’attenzione che ogni giorno dedicano a Como».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.