Sport

Il Como abbassa i prezzi degli abbonamenti. Brunati: "Lavoriamo senza proclami"

Calcio – In attesa di novità sul fronte tecnico, i nuovi dirigenti stanno prendendo decisioni “strutturali”.
«Noi non possiamo che ribadire che tra i nostri obiettivi c’è quello di avvicinarci alla città. E, tra le iniziative che stiamo preparando, c’è l’abbassamento dei costi degli abbonamenti». L’annuncio è di Daniele Brunati, portavoce della nuova proprietà del Calcio Como.
Il dirigente azzurro fa il punto della situazione in un momento in cui, dopo la conclusione del campionato, dall’esterno potrebbe sembrare che tutto sia fermo. O che ci siano solo problemi da risolvere su ogni fronte.
«Noi abbiamo fatto
una scelta – aggiunge Brunati – quella di lavorare in silenzio e di essere concreti senza proclami».
Ma in questa occasione il dirigente fa un eccezione. «Quella degli abbonamenti ribassati è solo una delle tante idee che stiamo portando avanti – specifica – Lo riteniamo un atto dovuto in un momento di crisi e un gesto per venire incontro ai nostri tifosi. Stiamo studiando varie formule: per esempio lo sconto più forte dovrebbe essere per chi negli anni precedenti ha acquistato la tessera. Senza dimenticare pacchetti per le famiglia su cui stiamo ragionando».
«Mi rendo conto che magari gli appassionati vorrebbero conoscere subito il nome del direttore sportivo, dell’allenatore e dei giocatori – sottolinea ancora Brunati – ma io dico che è fondamentale ciò che stiamo facendo per riorganizzare il club».
Rispetto alla precedente gestione il portavoce specifica: «Non possiamo nascondere che ci sono questioni aperte – dice – ma stiamo cercando di risolvere ogni contenzioso attraverso il nostro ufficio legale. Dove ci sono contratti manterremo gli impegni. Il problema è che c’è una specie di “assalto alla diligenza” di gente che fa richieste rispetto a non ben specificate promesse fatte a voce. Su queste noi non possiamo fare nulla».
Ma c’è anche – per fortuna – un “assalto alla diligenza” positivo. «Ci tengo a dirlo – afferma Brunati – Da quando si è insediata la nuova proprietà, persone che prima non ritenevano opportuno avvicinarsi al club ora lo stanno facendo. Per noi è un segnale importante anche se, ovviamente, teniamo gli occhi bene aperti e valutiamo attentamente ogni possibile interlocutore».
Il dirigente tiene poi a sottolineare la suddivisione dei ruoli in questa fase. «Ognuno è impegnato nel suo settore per portare avanti i rispettivi impegni. Pietro Porro con la prima squadra, Flavio Foti con il vivaio, Guido Gieri con il centro sportivo di Orsenigo, Stefano Roda nella logistica, io nel marketing e promozione».
Altro annuncio che riguarda Orsenigo: «Presto inizieranno i lavori per avere i campi con terreno sintetico, compreso quello in cui giocheranno le loro partite le squadre del settore giovanile, che nel centro sportivo avranno la loro base».
A proposito di vivaio, oggi la Berretti gioca a Trieste la sfida di ritorno dei quarti contro la squadra giuliana. Sabato al Sinigaglia ha vinto la Triestina per 1-2. Oggi i lariani per passare il turno devono andare alla final four e devono imporsi con due reti di scarto.
Tornando a Brunati e al punto della situazione, per quanto riguarda lo stadio Sinigaglia il portavoce fa il punto della situazione: «Abbiamo già fatto sopralluoghi e siamo in costante dialogo con la Questura e con gli uffici del Comune di Como: i rapporti sono buoni ed è stata apprezzata la nostra celerità, oltre al fatto che dopo anni di rapporti conflittuali ora c’è un gruppo che punta a collaborare con le istituzioni. Noi siamo pronti per intervenire con i lavori di risistemazione richiesti».
E incombono anche le prime scadenze: «Ovviamente andiamo avanti con la preparazione della certificazione, a partire da quella che riguarda l’agibilità dello stadio – specifica Brunati – e poi per iscrivere la squadra al torneo 2012-2013».
La conclusione, quindi, è sulla stessa linea delle parole iniziali. «I tifosi non devono preoccuparsi se vedono che c’è silenzio. Perché siamo al lavoro, operiamo concretamente e ci piace parlare a risultati ottenuti. E noi vogliamo essere giudicati per i fatti, non per le parole».

Massimo Moscardi

Nella foto:
La curva dei tifosi lariani: per la prossima stagione la nuova proprietà del club intende abbassare il prezzo degli abbonamenti
23 Mag 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto