Abbondino d’Oro, riconoscimenti al “grande cuore” del capoluogo

1abbonLa benemerenza di Palazzo Cernezzi

Il “grande cuore” di Como e la capacità di aver cura delle radici culturali in primo piano nell’Abbondino d’Oro quest’anno. Ieri Palazzo Cernezzi ha deliberato su chi puntare i riflettori per l’edizione 2013 della civica benemerenza che viene assegnata ai comaschi che si siano contraddistinti nelle scienze e nelle arti, nel lavoro, nel mondo della scuola, nella solidarietà, nello sport, nella pubblica amministrazione, per atti di coraggio, o ad enti ed istituzioni benemeriti. Gli Abbondini

2013 sono stati assegnati a Luisella Anzani per l’attività svolta a favore dei malati di distrofia muscolare, alla Caritas diocesana per la quarantennale opera di assistenza sociale e umana in città e alla Famiglia Comasca per l’impegno profuso nella tutela e valorizzazione della tradizione comasca.
Le civiche benemerenze, tre al massimo ogni anno, sono state decise ieri dall’apposita commissione. «Abbiamo assegnato le onorificenze a maggioranza, anche in relazione all’elevato numero di candidature», ha commentato il presidente Giorgio Selis. La cerimonia di consegna si svolgerà a Villa Olmo nel corso del prossimo gennaio. Il primo Abbondino d’Oro fu assegnato nel 1984 per cui l’anno prossimo la benemerenza cittadina festeggerà il trentennale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.