Accordo sulla Ticosa, il Consiglio di Stato rinvia “sine die”
Cronaca, Politica, Territorio

Accordo sulla Ticosa, il Consiglio di Stato rinvia “sine die”

Nuovo rinvio – questa volta “a data da destinarsi” – dell’udienza fissata davanti al Consiglio di Stato per dirimere il contenzioso tra Multi e Comune di Como sull’area ex Ticosa.
Ieri mattina, i legali di Palazzo Cernezzi e della multinazionale olandese si sono trovati davanti ai giudici amministrativi per ribadire la volontà di entrambe le parti di raggiungere un accordo e di chiudere quindi la vicenda senza un pronunciamento della Corte.
Evidentemente le intenzioni di Comune e Multi sono chiare ed esplicite, tanto da convincere i magistrati del Consiglio di Stato ad accordare un rinvio sine die. Peraltro, è noto come da tempo il capoluogo lariano e i dirigenti di Multi stiano dialogando per uscire “indenni” dal contenzioso sull’area di via Grandi. Tramontata ogni possibilità di costruire a ridosso del cimitero maggiore il nuovo grande quartiere Sud della città, Multi vorrebbe recuperare quantomeno una parte di ciò che ha investito negli anni, mentre il Comune cerca un indennizzo per i mancati guadagni (il valore dell’area e le opere di urbanizzazione previste nel piano di recupero e ovviamente destinate a non essere più realizzate).
«La volontà di chiudere prima possibile questa vicenda c’è – dice Marco Butti, assessore all’Urbanistica di Como – Gli approfondimenti necessari per siglare un accordo sostenibile da tutti i punti di vista sono in dirittura d’arrivo. È ovvio che le questioni da dirimere sono molte, ma si lavora in un’unica direzione».
Per ciò che concerne i tempi di questa intesa Butti parla addirittura di «settimane. E in ogni caso – ribadisce – credo che non saranno tempi lunghi. Gli elementi di conoscenza ce li abbiamo, nei prossimi giorni sono in calendario alcune riunioni per definire i dettagli». La vera sfida, conclude l’assessore, «se riusciremo come spero a chiudere il contenzioso con Multi, sarà però il destino della Ticosa».
Nella conferenza stampa d’inizio anno, lo stesso Marco Butti all’unisono con il sindaco, Mario Landriscina, aveva tracciato il primo obiettivo a breve per l’area della ex Ticosa, ovvero la riapertura del grande parcheggio a servizio del centro storico. In attesa di completare la bonifica nel quadrante a ridosso della Santarella, il posteggio potrebbe garantire al Comune entrate a bilancio e dare un po’ di respiro in attesa di trovare la strada nuova (e percorribile) per il risanamento del comparto di via Grandi.

19 gennaio 2018

Info Autore

Redazione Corriere di Como

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
novembre: 2018
L M M G V S D
« Ott    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto