Acquisto di vini, Como terza in classifica

Vino 1

Il vino è una delle passioni dei comaschi. Se è Milano la città in cui si beve di più, il Lario non sfigura, anzi brinda a un risultato invidiabile in un settore, quello della enograstronomia, sempre più strategico per un territorio che punta sul turismo per la propria economia.
Nel capoluogo meneghino si acquista più vino rispetto ad altre città italiane, nello specifico il 2,5% della spesa totale annuale. Lo dice l’indagine di “Supermercato24”, piattaforma per la spesa in rete, che ha registrato una vendita in tutto lo Stivale di 850mila litri di vino, con un aumento del 25% rispetto allo scorso anno.
L’analisi rivela che il territorio di Como, nelle province a minor densità di popolazione, è terza nella classifica delle aree dove è stata maggiore rispetto alla spesa totale l’incidenza dell’acquisto di vino: Vicenza è in testa (3,22%), seguita da Varese (3,18%) e Como appunto sul podio al terzo posto (2,7%).
Per abbinare il giusto vino ad ogni piatto ricordiamo il volume dell’Editoriale lariana “Pane, amore e misultitt” di Katia Trinca Colonel, ormai un best seller dell’editoria gastronomica.
Il vino è presenza lariana fin dai tempi antichi. Lo documenta lo scrittore comasco Plinio il Vecchio, nella sua Naturalis historia, che nel libro XXII racconta un aneddoto significativo. L’imperatore Augusto chiese all’ultracentenario Pollione Romilio il suo segreto di longevità: «all’interno il vino, all’esterno l’olio», rispose.
Plinio è uno degli autori latini che propongono elenchi dei vitigni coltivati nelle varie zone dell’impero.
Ai nostri tempi, non mancano occasioni di conoscenza sui vini di tendenza come Ristorexpo a Lariofiere e Wine&Food Style a Villa d’Este. Da ricordare che da undici anni è stata assegnata dal ministero delle Politiche agricole l’Indicazione Geografica Tipica (Igt) ai vini die “Terre lariane”, consorzio nato dieci anni fa che ha ora 20 soci. Le due zone più importanti sono le colline della Brianza intorno  a Montevecchia e l’area di Domaso.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.