Cronaca

Acus boccia il Comune su via della Bastiglia

La polemica
«La segnaletica non basta. Va tolta la corsia dei bus sulla Varesina»
L’Associazione civica utenti della strada (Acus) demolisce letteralmente il Comune sul caso di via della Bastiglia, il pericoloso incrocio di Rebbio teatro di numerosi incidenti, anche mortali. Ma, oltre alle critiche, il presidente dell’associazione, l’avvocato Mario Lavatelli, indica anche alcune possibili migliorie per incrementare la sicurezza.
L’incipit del documento diffuso ieri, però, è di straordinaria durezza. «L’intervento di mera segnaletica recentemente effettuato all’imbocco di via della Bastiglia – scrive Lavatelli – rappresenta l’ennesima soluzione limitata, inutilmente riduttiva del diritto di circolazione viabilistica, assunta senza un reale e approfondito coinvolgimento della comunità e in particolare del quartiere». Poi ecco che – sottolineando «l’assenza di apertura dell’amministrazione – Lavatelli offre alcune possibili migliorie messe a punto dall’architetto Giuseppe Tettamanti. Dopo un elenco di aspetti strettamente tecnici relativi a tutto il comparto viario della zona, il documento dell’Acus arriva ad affermare che «la proposta di riassetto funzionale del sistema comporta l’inevitabile soppressione della corsia preferenziale riservata al trasporto pubblico». Molte, in questo, senso le criticità legate alla “striscia gialla” sulla Varesina: «Brevità e discontinuità del tratto, tanto da ritenere ininfluente l’auspicato risparmio di tempo», «accessibilità a cicli e motocicli, che induce a velocità elevate», «oggettivo aumento di incidenti mortali».
Tra le altre misure suggerite a Palazzo Cernezzi, inoltre, figurano la realizzazione di una rotatoria adatta anche all’inversione di marcia all’inizio di via Risorgimento, l’eventuale realizzazione di aiuole spartitraffico per impedire manovre vietate e pericolose.
Su via della Bastiglia nello specifico l’Acus, inoltre, auspica che «nel primo tratto, fino a via Grilloni, sia ripristinato il doppio senso di marcia, mentre nel secondo tratto, fino a via Giussani, si istituisca il senso unico ascendente, attribuendo nel contempo quello discendente a via Grilloni». Il tutto sarebbe concluso dal disegno di una corsia di “accumulo” sulla Varesina per svoltare a sinistra in via della Bastiglia e da una ricalibratura dei tempi semaforici all’incrocio via Varesina-via Lissi.

Nella foto:
L’incrocio tra via della Bastiglia e via Varesina, con la segnaletica appena rifatta
25 maggio 2014

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto