Cronaca

Acus e commercianti: «Ancora una volta siamo stati ignorati»

alt Il fronte dei contrari

(f.bar.) Non convince il periodo di sperimentazione della nuova Ztl. E neanche lo spazio esiguo concesso alle osservazioni presentate dalle associazioni.
Il primo a intervenire è Mario Lavatelli, presidente dell’Associazione Civica Utenti della Strada di Como (Acus). «Chiederò copia della delibera per vedere in dettaglio quanto deciso e le motivazioni. Dopo valuteremo che cosa fare e se sarà possibile intervenire – dice Lavatelli – Le osservazioni prese in considerazione mi sembrano francamente

molto poche».
Di recente, Acus, anche con il sostegno di Confesercenti, aveva presentato una serie di valutazioni sull’effettiva necessità di questa rivoluzione. La prima richiesta era di considerare e tutelare allo stesso modo tutte le categorie: i residenti ma anche i pendolari, i commercianti, i professionisti. «E non mi sembra francamente che sia così – aggiunge Lavatelli – Soprattutto per i commercianti».
Ribadito con forza anche il concetto in base al quale «la città murata è da considerarsi un centro commerciale naturale e da ciò nasce il rapporto con la possibile clientela – dice Lavatelli – I cittadini devono essere invogliati ad accedervi, non viceversa. Abbiamo chiesto più volte di riesaminare il provvedimento e non introdurlo ora. Ma si è andati avanti».
E a poco serve, ad esempio, la possibilità di consentire le operazioni di carico e scarico merci ingombranti dei clienti dei negozi del centro storico. Decisamente contrario alla Ztl, nelle settimane scorse, anche il presidente di Confcommercio Como, Giansilvio Primavesi.
«Ancora una volta apprendo da altri l’approvazione della delibera e il fatto che il progetto della nuova Ztl è ormai realtà – dice sempre Primavesi – Ancora una volta non siamo stati presi in considerazione. Soltanto pochi giorni fa avevamo inviato altre osservazioni in Comune. Non si chiede di recepirle a priori, ma almeno avere risposta. Essere ignorati è spiacevole».

Nella foto:
Via Rubini, la strada che sfocia in piazza Volta, è una delle arterie più centrali destinate a entrare nella rivoluzione della sosta collegata alla realizzazione della nuova maxi Ztl di Como
28 giugno 2013

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto