Affitti, Como tra le dieci città italiane più care

© | . .

Affittare casa a Como non è facile. Né troppo conveniente. Il capoluogo lariano è infatti nella top ten delle città più care, in Italia, per le locazioni residenziali. Seconda in Lombardia soltanto a Milano, nella speciale classifica sugli affitti Como occupa il decimo posto e si colloca subito dietro le grandi città d’arte e le due province autonome del Trentino.
I prezzi delle case, sul Lario, variano dai 390 euro mensili necessari per un monolocale, ai 1.150 euro di un immobile con 5 stanze.
I dati emergono da una ricerca dell’ufficio studi di Immobiliare.it diffusa ieri e ricalcano, in qualche modo, i numeri indicati appena una settimana fa nelle pagine del “borsino” della Fimaa, l’associazione che raggruppa i mediatori immobiliari associati a Confcommercio.
«Mentre l’attenzione del mercato è tutta rivolta alle compravendite e ai segnali positivi riscontrati da più parti tanto per la domanda quanto per le transazioni – scrivono i ricercatori di Immobiliare.it, nel mondo degli affitti i canoni calano di poco mentre la domanda cresce». È quindi «l’offerta – si legge ancora nella nota dell’ufficio studi del portale di annunci – a subire la contrazione più significativa».
I prezzi
Il canone di locazione mensile medio a metro quadrato, in Italia, è stimato attorno agli 8,4 euro. Per affittare un appartamento di 80 metri quadrati servono perciò non meno di 670 euro. A livello regionale, è il Lazio la regione con gli affitti mediamente più cari: 11,82 euro per metro quadrato. Seguono il Trentino Alto Adige (11,28 euro) e la Lombardia (10,23 euro). Fanalino di coda la Calabria, con 4,68 euro per metro quadrato.
Tra le città più care, come detto, il capoluogo lariano si colloca al decimo posto. In cima alla classifica c’è Milano, dove servono circa 600 euro per affittare un monolocale e fino a 1.200 euro per un trilocale. Roma, incontrastata regina nelle graduatorie dei prezzi di vendita degli immobili, resta un gradino dietro per ciò che concerne gli affitti. Nella capitale servono 550 euro per un monolocale e tra 900 e 1.050 euro per un trilocale.
Nella top ten ci sono anche Firenze, Bolzano, Napoli. E ancora, Siena, Pisa, Trento e Bologna.
L’analisi
«Gli italiani non hanno mai visto con piacere l’idea di mettere in affitto il proprio patrimonio immobiliare – scrive l’ufficio studi di Immobiliare.it – e negli ultimi mesi questa diffidenza è aumentata. L’offerta di immobili in locazione ha subito infatti un significativo calo annuale, pari a circa il 7% rispetto a febbraio 2014. Pur garantendo un ritorno interessante, soprattutto nelle città più grandi, la locazione è un business che ha perso molto appeal, perlomeno nelle sue forme tradizionali di lungo periodo. Dove possibile, si punta alla conversione in case vacanza o altre forme di affitto breve come i Bed & Breakfast».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.