Agenzia delle Entrate, 57enne ai domiciliari: abita ad Arosio, lavora a Milano

Agenzia delle Entrate

Ancora arresti nell’ambito delle attività legate all’Agenzia delle Entrate. Interessata questa volta non è stata la città di Como, bensì l’Ufficio Provinciale del Territorio di Milano.
Tre funzionari sono finiti ai domiciliari: tra questi anche un 57enne di Arosio che lavorava nel settore servizi.
L’ordinanza – chiesta dalla Procura meneghina e firmata dal gip Valerio Natale – è stata eseguita ieri mattina.
Ai domiciliari anche una 60enne di Milano e un 50enne di Corbetta. Al 57enne di Arosio vengono contestati ben 16 capi di imputazione, ma il giudice ha concesso le misure cautelari solo in relazione a 5 di questi.
In pratica, secondo quanto ricostruito dai carabinieri del comando di Milano, gli indagati avrebbero gestito in maniera «personalistica» una serie di pratiche, senza incassare i compensi per le visure chieste da clienti con cui erano in contatto e facendosi pagare successivamente privatamente. L’accusa è di corruzione. I fatti sarebbero avvenuti tra febbraio e maggio del 2018. L’inchiesta sarebbe partita da dichiarazioni anonime. Secondo il giudice gli arrestati erano sì persone incensurate, ma che «sistematicamente approfittavano della funzione pubblica ad essi affidata al fine di conseguire un illecito lucro».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.