Aggredisce i poliziotti per una sigaretta: «Finisce come a Trieste». Arrestato 23enne a Como

Questura di Como, Polizia di Stato

Ha chiesto una sigaretta ai poliziotti che si trovavano in via Florio da Bontà, in pieno centro di Como e a due passi da piazza Cavour. Al «no» degli agenti, ha reagito in modo violento, aggredendoli con calci e pugni.

Episodio movimentato nella serata di giovedì intorno alle 19.40. Un ragazzo, italiano residente in città (23 anni) è stato prima invitato a calmarsi, poi, dopo l’aggressione, arrestato e portato in Questura.

Qui, non pago, avrebbe reiterato il tentativo di aggressione gridando la frase «finisce come a Trieste». Gli agenti hanno segnalato l’accaduto al pubblico ministero di turno in Procura, Antonio Nalesso.

Due poliziotti sono stati costretti a farsi medicare al pronto soccorso con prognosi di 5 giorni a testa. Le accuse formulate parlano di danneggiamento, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale e lesioni.

Ieri il ragazzo, difeso dall’avvocato Davide Brambilla, è comparso in tribunale per essere processato per direttissima: ha patteggiato 12 mesi e 20 giorni ed è poi stato rimesso in libertà.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.