Agli arresti domiciliari il magnate russo fermato in centro a Como

Il Tribunale di Milano

È stato scarcerato ed è ora agli arresti domiciliari il magnate russo di 47 anni fermato il 20 maggio scorso nel centro di Como su mandato di cattura internazionale per bancarotta e truffa emesso, a gennaio scorso, dall’autorità giudiziaria russa. Lo ha deciso la Corte d’Appello di Milano, mentre non si è ancora conclusa la fase del procedimento al termine della quale i giudici dovranno decidere se dare l’ok o meno all’estradizione in Russia.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.