Agriturismi lariani: è vicino il “tutto esaurito”

Lago di Como, panorama

Boom di prenotazioni per gli agriturismi lariani. Lo comunica la Coldiretti di Como e Lecco che comunica il “tutto esaurito” vicinissimo – sono disponibili ancora pochi posti – nelle strutture del territorio nelle due settimane centrali di agosto.
L’arrivo di turisti è elevatissimo e alberghi, bed & breakfast, case vacanze e campeggi di fatto ora hanno una disponibilità di posti del 10%.
«Il nostro comparto agrituristico – sostiene il presidente della Coldiretti lariana, Fortunato Trezzi – cresce continuamente, e sempre più si colloca di diritto nelle preferenze dei vacanzieri, grazie a un’offerta di alloggio capace di integrare le più differenti richieste della clientela».
«Questo settore, inoltre, ha un sempre maggior richiamo per i vacanzieri, grazie al relax, alla buona cucina, e alla riscoperta delle tradizioni» aggiunge.
Tra le motivazioni del boom di quest’anno non manca – sottolinea la Coldiretti – la spinta alla ricerca di tranquillità per le paure dopo i recenti episodi internazionali che condiziona la scelta delle vacanze di quasi quattro italiani su dieci (38%); ma anche molti turisti internazionali hanno preferito l’Italia ad altre mete, considerate meno sicure.
«Non sappiamo più dove mettere i clienti – afferma Marco Ciappa, titolare di un agriturismo a Gravedona – Quest’anno c’è stata una vera e propria esplosione di arrivi: il 95% dei miei clienti sono stranieri, in particolare dal Nord Europa: vengono da paesi come Belgio, Olanda, Francia, Danimarca. Ma non soltanto: abbiamo ospitato turisti anche dalla Nuova Zelanda».
Le strutture agrituristiche, continua la Coldiretti, a Como e Lecco sono 212 e fanno segnare, in gran parte dei casi, il tutto “esaurito” «grazie a un’offerta – spiega Coldiretti – capace di mantenere inalterate le tradizioni enogastronomiche nel tempo ma che hanno qualificato la propria tradizionale offerta di alloggio e ristorazione con servizi innovativi per sportivi e ambientalisti, come equitazione, tiro con l’arco, trekking o attività culturali come la visita di percorsi artistici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness».
In Italia, conclude l’associazione, salgono ad oltre 7 milioni i pernottamenti previsti in agriturismo nell’estate 2017, con un aumento stimato pari al 8 per cento rispetto allo scorso anno, con il sorpasso degli ospiti stranieri rispetto a quelli italiani.

Articoli correlati