Aiuti svizzeri per la scuola dei muratori

alt Il mercato immobiliare
Aureli: «Dalla fondazione ticinese disponibilità a collaborare»
La soluzione che non ti aspetti per la scuola degli aspiranti muratori comaschi. Dopo la protesta sotto Porta Torre dei genitori dei ragazzi che si erano iscritti al corso triennale per Operatore edile della Espe, che non partirà a settembre, ecco che arriva una mano tesa dalla Svizzera. Ma come, la stessa Svizzera che combatte contro gli artigiani che ogni giorno entrano in Ticino per fare lavori edili? Il discorso è un po’ più complesso. L’aiuto potrebbe infatti arrivare dall’Ecap, la fondazione

per la formazione degli adulti e la ricerca, senza scopo di lucro, creata dal sindacato italiano Cgil e attiva in Svizzera dal 1970 dove ricopre un ruolo istruttivo di primissimo piano.
A muoversi in tale direzione è Sergio Aureli, sindacalista dell’Unia per il Canton Ticino ed il Moesano, che ha colto la palla al balzo visto che è pure candidato al Parlamento europeo nelle liste del Pd-Pse. «In questi momenti caratterizzati da una radicalizzazione nei rapporti tra le aree di confine e la vicina Confederazione, arriva un segnale diametralmente differente – si legge in un comunicato del Pd – Sergio Aureli è infatti riuscito a sviluppare un contatto con i vertici dell’Ecap, che si sono dichiarati interessati a prendere in seria considerazione la possibilità di curare direttamente i corsi di formazione professionale oggi gestiti dall’Espe».
«L’Ecap si è dimostrata particolarmente interessata ad avviare un tavolo di confronto con l’Espe e con i rappresentanti di Regione Lombardia per valutare proposte comuni in ambito formativo – sottolinea Aureli – Un esempio di come è possibile instaurare rapporti proficui di vicinato tra Italia e Svizzera nonostante il clima di diffidenza che si respira a livello generale».
Comasco e Canton Ticino più vicini, insomma, se si parla di muratori. I genitori dei ragazzi confidano che il tavolo di confronto venga realizzato presto con… dei mattoni.

Nella foto:
La protesta contro lo stop dei corsi all’Espe di sabato scorso a Porta Torre (Fkd)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.