Cultura e spettacoli

Al pronto soccorso dei tesori d’arte

Alta formazione – L’Accademia “Aldo Galli” è sempre più accreditata come centro di restauro nazionale
C’è un luogo in città che è un porto sicuro per le opere d’arte, dove possono ricevere le attenzioni di mani amorevoli, con tecnologie all’avanguardia, nel rispetto dei materiali, dei linguaggi e dei valori estetici, e sotto l’egida delle autorità preposte alla salvaguardia dei tesori culturali, come la Soprintendenza. Sarà presentato lunedì a Como Laboratorio di restauro, volume di Nodo Libri che rappresenta i primi 35 anni di attività dell’officina di studiosi di restauro dell’Accademia
di Belle Arti “Aldo Galli” di Como: oggi sono ben 60 gli iscritti, per un totale di 30 docenti (in tutto l’istituto, fondato nel ’76, ha 160 iscritti per 70 docenti).
I risultati documentano l’importanza per il territorio del progetto educativo dell’istituto. I cantieri di restauro – circa 150 i beni recuperati in 35 anni di lavoro – sono stati principalmente rivolti al recupero di opere pittoriche su tela, di affreschi, di decorazioni lignee e a stucco. L’ambito di intervento è la Lombardia nord-occidentale, sia nelle grandi realtà comasche (per Como sono documentati i cantieri della ricca quadreria storica dell’ospedale Sant’Anna, della galleria degli ex voto della basilica del Ss. Crocifisso e di Palazzo Porro nel centro storico), sia nei piccoli centri delle province di Como e Varese (sono presenti schede dedicate ad Albate, Albese, Casalzuigno e Carate Urio). Molteplici i committenti: dalla Diocesi di Como alle singole parrocchie, fino alle associazioni. La “Famiglia Comasca” si è fatta promotrice ad esempio del recupero della Quadreria e degli ex voto, e ha ora in cura presso la Galli il pulpito ligneo della chiesa di Lora, e ha in progetto di intervenire sugli affreschi della basilica di San Fedele, altro gioiello cittadino.
E l’Accademia ha anche in cura un San Sebastiano attribuito al Caravaggio, conservato nel Duomo di Como, mentre attende al recupero della Sala Bianca del Teatro Sociale e a Palazzo Rusconi, nel centro storico del capoluogo.
Adesso però il progetto della scuola di restauro è destinato a puntare ancora di più all’eccellenza. Come spiega Salvatore Amura, amministratore unico dell’Accademia che da due anni è stata inglobata dal gruppo Ied, la Galli «sta perfezionando un ulteriore accreditamento: il ministero ha autorizzato il quinquennio magistrale che permetterà di ottenere la laurea di Restauratore di beni culturali: saremo il primo centro di restauro ad ottenere tale qualifica di eccellenza nel Nord Italia, non l’ha neanche Brera. E va precisato che il nostro approccio è, e rimarrà, didattico e scientifico: non vogliamo sostituirci ai professionisti del restauro, ma formarli».
La presentazione del volume avverrà alla presenza delle massime autorità cittadine tra cui il prefetto Michele Tortora e l’onorevole Alessio Butti, oltre all’assessore alla Cultura del Pirellone Valentina Aprea e al direttore generale per la valorizzazione del patrimonio culturale del ministero dei Beni Culturali Mario Resca, e al Soprintendente per i Beni Architettonici Alberto Artioli, lunedì prossimo alle 18.30 nella sede dell’Accademia in via Petrarca 9. Ingresso libero.
«Obiettivo per i prossimi anni – conclude Amura – è dar vita a un laboratorio che come estensione del nostro centro studi sull’arte polimaterica permetta di poter restaurare opere di arte contemporanea, come oggetti di design e installazioni. È la nostra nuova sfida».

Lorenzo Morandotti

Nella foto:
Uno dei pannelli dorati del balconcino del pulpito della chiesa di Lora. Accanto all’angelo, sullo scudo, l’autoritratto dell’autore con la firma “Joseph Cafurius”
4 maggio 2012

Info Autore

Redazione

Redazione Corriere di Como redazione@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
dicembre: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto