Al Sant’Anna nasce la nuova “megachirurgia”

Ospedale Sant'Anna

All’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia assume un nuovo assetto l’Unità Operativa di Chirurgia Generale del presidio che da metà ottobre è stata accorpata con la Chirurgia Generale a indirizzo vascolare e toracico, come previsto dal nuovo Piano di organizzazione aziendale strategico (Poas).
Il nuovo assetto, come ha spiegato ieri il direttore sanitario Fabio Banfi, prevede un’unica struttura complessa di Chirurgia Generale diretta da Roberto Caronno, già primario della Chirurgia generale a indirizzo vascolare e toracico. Questo settore specialistico si prevede che avrà così un nuovo impulso.
La nuova Unità Operativa si articola in una struttura semplice di Chirurgia Toracica d’Urgenza, una di Chirurgia Vascolare e una di Chirurgia Senologica. L’unità si avvale anche della consolidata sinergia operativa con la struttura semplice dipartimentale di Chirurgia Generale a indirizzo polispecialistico per le Urgenze, diretta da Daniele Lovotti e afferente al Dipartimento Chirurgico. Quest’anno l’unità ha effettuato 1.252 interventi, oltre 5mila prestazioni ambulatoriali e 1.189 ricoveri.
«La complessità della casistica – ha detto Caronno – è aumentata dell’1%. Tra i principali progetti per l’anno prossimo ci sono lo sviluppo della chirurgia robotica in ambito senologico, toracico e vascolare. Inoltre, stiamo lavorando per un potenziamento sul fronte della chirurgia laparoscopica, anche in collaborazione con il presidio di Cantù, e della chirurgia epatica maggiore».
Ieri pomeriggio l’ex primario della Chirurgia Generale dell’ospedale Sant’Anna Pietro Giuseppe Capretti è stato nominato primario emerito dalla Direzione Generale dell’Asst Lariana in occasione del tradizionale scambio di auguri natalizi.
Nella cerimonia il direttore generale Marco Onofri ha affrontato altri temi caldi per la sanità lariana a partire dal Poliambulatorio di via Napoleona a Como, che, nell’ottica del progetto di realizzazione della Cittadella Sanitaria, a inizio 2018 diventerà un centro “Prest” che ingloberà Centro vaccinale, Consultorio, Centro Servizi per la presa in carico del paziente cronico e altre attività socio sanitarie.

Articoli correlati