Al via il referendum. Le domande sono 3 e il voto è palese

alt

I parcheggi gialli intanto sono sempre più vuoti

(f.bar.) Si vota. Dopo il prologo di ieri sera, con le prime schede siglate dai cittadini direttamente in piazza Volta, da oggi scatta il vero e proprio mese del referendum. Per 30 giorni i cittadini potranno esprimere il loro parere sull’opportunità della Ztl.
È questa la nuova iniziativa del comitato Como di Tutti voluta per contare i pareri contrari al nuovo provvedimento viabilistico.
«Il sindaco dice che siamo solo noi di piazza Roma

a protestare. Vedremo il responso delle urne. Ogni negozio aderente – chiariscono dal comitato – si trasformerà in seggio e ogni cittadino potrà esprimersi liberamente». In vetrina sarà affissa una locandina con la scritta “Vota qui”. La preferenza non sarà segreta. A ciascun cittadino verrà sottoposta anche la nota con l’informativa sulla privacy. E chi deciderà di far sentire la propria voce non dovrà fare altro che compilare l’apposito modulo. «Ogni sera, verso l’orario di chiusura le schede verranno recuperate e i dati digitalizzati nella notte per poter verificare costantemente sul web l’andamento delle votazioni», fanno sapere sempre da Como di Tutti.
Alla fine si faranno i conti finali che verranno sottoposti all’attenzione del municipio.
Semplici le domande. Una su tutte riassume la lotta di questi ultimi mesi: «Condividi la necessità che i nuovi stalli gialli di piazza Roma tornino ad essere blu a pagamento e che pertanto venga modificata la Ztl comasca?».
Intanto, in attesa dell’entrata in vigore, il 17 marzo, della Ztl anche in piazza Volta, anche in altre aree della città si fanno i conti con l’assenza di parcheggi e la voglia di riqualificare le strade commerciali per non far morire il settore. E in via Milano Bassa, da una settimana il neo-comitato che conta oltre 40 negozianti è al lavoro.
Dopo l’esperienza di giovedì scorso, anche questa settimana i negozi rimarranno aperti in pausa pranzo, sempre nello stesso giorno e con le stesse modalità.
Per il futuro, il comitato sta studiando ulteriori iniziative.
Chiari gli intenti: riqualificare la strada. Ciò si dovrebbe tradurre in un nuovo arredo urbano, in una maggiore illuminazione e ovviamente in una cura particolare da parte dell’amministrazione sul tema parcheggi. Posti auto carenti specialmente da quando è stata chiusa l’area della Ticosa.

Nella foto:
Un’altra immagine risalente alla tarda mattinata di domenica. Questa volta lo scatto è stato realizzato in piazza Roma, che intorno alle 11 appariva quasi completamente deserta. Negli stalli gialli, infatti, sostavano ben poche vetture e nemmeno tutte autorizzate

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.