Alberghi, il turismo sfida la crisi e punta su cinema e golf

Lariowood, la mappa delle pellicole girate nel Comasco “sfonda” a Ischia e approda sul web
La fiera internazionale del turismo di Rho-Pero, la “Bit”, è stata «sottotono». Parola di Andrea Camesasca dello storico “Corazziere” di Merone, vicepresidente degli Albergatori della provincia e membro della giunta della Camera di Commercio di Como. Luci e ombre condividono il panorama delle prospettive del turismo lariano. «La fiera milanese è stata in tono minore – conferma Camesasca – i primi due mesi dell’anno sono stati in effetti abbastanza negativi, anche se le prenotazioni per la prossima primavera e Pasqua arrivano e i nostri clienti abituali, cioè gli stranieri, si confermano i partner economici affidabili di sempre».
Però ci sono difficoltà. «Sì, alla Bit abbiamo visto stand in formato ridotto, meno investimenti. D’altronde gli albergatori devono far fronte non solo alle rosee prospettive determinate dal flusso di prenotazioni ma anche con i piani finanziari che comportano quindi fare i conti con i costi che aumentano, e poi il clima generale che respiriamo in Italia non rinfranca gli operatori. Tutti vogliono stare al risparmio anche perché i costi di gestione delle strutture lievitano».
In questo scenario non possono che far piacere i segni di speranza. Il primo è legato al golf, sport d’eccellenza che ha già visto il Lario protagonista con varie iniziative. Presto la Camera di Commercio, fa sapere Camesasca, ospiterà una delegazione di tour operator dalla Finlandia, pronti a esplorare le potenzialità che può offrire il nostro territorio su tale fronte con i suoi green. Ed è in arrivo anche una delegazione dal Canada, per sondare le prospettive del turismo lariano a 360 gradi.
C’è poi la miniera, tutta da esplorare, del cinema e cioè dei tanti film che sono stati girati, fin dall’epoca di The Pleasure Garden di Alfred Hitchcock (correva l’anno 1925), in territorio lariano. Il mese scorso, Villa Saporiti e Camera di Commercio hanno varato Le stelle del Lago di Como, una guida bilingue, con testi del giornalista Pietro Berra e foto a colori su 15 tra i più prestigiosi set che concorrono a promuovere il Lario e il territorio brianzolo nel mondo. Da Ocean’s Twelve con il divo di Laglio George Clooney a Casino Royale con Daniel Craig impegnato nei panni di 007 a Villa Balbianello di Lenno. Il libro è stato presentato alla Bit con successo, tanto che il 4 luglio prossimo sarà presentato all’Ischia Film Festival quale modello di marketing territoriale consacrato alla settima arte. «Lavoriamo come dovrebbe fare una “film commission” seria, cioè non solo fornendo servizi ma facendo anche promozione sul territorio», commenta Camesasca, che annuncia anche l’interesse di Procida, altra isola mitica del cinema e della letteratura, per il libro su Lariowood. Sul sito www.cineturismo.it, gestito dal festival ischitano, tra l’altro è già pronta la pagina in cui i luoghi magici in cui sono stati girati i 15 film della guida potranno essere “geolocalizzati” per guidare i turisti cinefili alla scoperta degli scenari già applauditi sul grande e sul piccolo schermo.

Nella foto:
Turisti in coda alla funicolare per Brunate nel giorno di Pasqua del 2011 (Mv)

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.