Alessandra Bonduri nuovo assessore. Valzer di deleghe nell’esecutivo dopo l’uscita del ministro Locatelli

Alessandra Bonduri

Alessandra Bonduri prende il posto lasciato vacante dal neo ministro Alessandra Locatelli, ma non le sue deleghe. Ieri in tarda mattinata è arrivata la conferma ufficiale, attesa ormai da alcuni giorni. E prima della riunione di giunta del pomeriggio, dove Bonduri ha fatto il suo esordio, il neo assessore si è presentato.
Sarà dunque lei il nuovo assessore di Palazzo Cernezzi, ma si occuperà di Politiche educative, Politiche giovanili, Asili nido, Formazione, Assemblee di zona e Partecipazione, ovvero tutte le competenze che erano in mano alla collega di giunta Angela Corengia, che a sua volta ora si occuperà di Politiche sociali e di sostegno alla famiglia, Politiche abitative, Solidarietà, Piani di Zona, Lavoro, Impresa sociale, Reti sociali, Decoro sociale (in precedenza gestite da Alessandra Locatelli).
«Politiche educative e scuola sono due deleghe che sento ritagliate proprio sulle mie capacità e con le quali cercherò di mettere i giovani al centro. I ragazzi per me rappresentano infatti il futuro della città – dice il neo assessore emozionato per l’incarico, pochi minuti prima di sedersi al tavolo di giunta – Spero di portare la mia normalità e il mio modo di essere in questa squadra che ringrazio, a partire ovviamente dal sindaco che mi ha voluta». E Alessandra Bonduri si troverà sulla scrivania diversi dossier “scottanti”, a partire dai problemi della scuola di via Perti e dell’asilo Sant’Elia. «Me ne rendo conto – prosegue l’assessore – Prenderò subito la documentazione di ogni caso, la analizzerò con cura e, continuando nel solco tracciato dalla collega Corengia, cercherò di risolvere tutti i problemi». Alessandra Bonduri, 42enne, comasca e leghista, è laureata in giurisprudenza ed è una grande tifosa del Como. Anche ieri in giunta sfoggiava due braccialetti azzurri con le insegne azzurre. Soddisfatto anche il sindaco Mario Landriscina.
«Sono contento per questa nomina e del nuovo compito affidato all’assessore Angela Corengia alla quale rinnovo la mia piena fiducia – ha detto il sindaco – i nuovi incarichi garantiscono continuità al governo della città. Sono certo che i dirigenti comunali e i settori di riferimento continueranno a fare squadra con i nuovi assessori». Soddisfatta del nuovo assetto della giunta anche Angela Corengia. «Ringrazio il sindaco per la fiducia nei miei confronti e i colleghi della giunta per il lavoro comune – aggiunge Corengia – Ringrazio inoltre il dirigente Giovanni Fazio, i collaboratori del mio settore e di quelli con cui ho lavorato finora, che sono stati determinanti nello svolgimento del mio incarico. Prendo il testimone di Alessandra Locatelli e porterò avanti il suo lavoro in ambito sociale, compito impegnativo che desidero svolgere con la stessa passione e con la stessa cura. Cedo le mie deleghe ad Alessandra Bonduri, che conosco da tempo e che stimo, certa che saprà fare un ottimo lavoro per la città come assessore, così come ha fatto da consigliere». E sul tavolo di Angela Corengia ci sarà anche il tema caldo di queste ultime sedute di consiglio comunale, ovvero la decisione di realizzare un nuovo dormitorio permanente. «Innanzitutto sarà necessario raccogliere tutti i dati necessari per avere una reale conoscenza del problema – ha detto l’assessore Corengia – poi ovviamente ne parlerò con tutti per arrivare a una scelta condivisa che non crei tensioni. Sarà decisivo anche riuscire a creare politiche di inclusione per chi ha problemi. Non si tratta solo di dare un tetto ma di offrire condizioni di vita dignitose». Con l’ingresso in giunta di Alessandra Bonduri entra invece in consiglio comunale la prima dei non eletti alle comunali del 2017, Pierangela Torresani della Lega, che si insedierà lunedì. Ieri, davanti al presidente del consiglio comunale, Anna Veronelli, la firma.
«Sono molto emozionata – ha detto Pierangela Torresani – lavorerò in massima condivisione con la giunta e con il mio partito».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.