“Alessandro Borghese-4 Ristoranti”, la reunion comasca
Enogastronomia, Televisione, Vip

“Alessandro Borghese-4 Ristoranti”, la reunion comasca

Una reunion a poche settimane dalla messa in onda della trasmissione per confrontarsi su come siano andate le cose dopo il passaggio comasco di “Alessandro Borghese-4 ristoranti”. Ad Argegno si sono ritrovati i quattro ristoratori: Massimo (il vincitore), Tiziano, Umberto e Jean Christoph. Per tutti un giudizio unanime: “L’indotto della trasmissione è stato altissimo”. Per tutti sono aumentati notevolmente i clienti, le persone che hanno manifestato interesse a prenotare, le visualizzazioni su Internet e sui social da tutta Italia. Massimo parla di clienti “quasi raddoppiati” dopo la vittoria e del suo sito Internet andato in tilt

Non mancano aneddoti e curiosità: in molti chiedono i piatti mangiati da Alessandro Borghese durante la trasmissione;  è aumentato anche il numero degli avventori “critici”, che vanno nei locali pronti  a cercare qualcosa che non vada; è anche capitato, ha spiegato Jean Cristoph, che siano arrivati clienti che abbiano chiesto di lui e che se ne siano andati una volta constatata la sua assenza. Notevole la popolarità per tutti e quattro: “Ci riconoscono e ci chiedono selfie, come è la trasmissione dietro le quinte e anche qualche autografo. Abbiamo anche saputo che si sono creati gruppi di ascolto con persone che hanno seguito tutti assieme il programma” spiegano.

Nel loro incontro non è mancata qualche riflessione sulla cucina lariana e anche in questo caso i pareri sono concordi: “Noi puntiamo sui prodotti locali – hanno spiegato – ma sarebbe bello che questa abitudine fosse più diffusa. Bisognerebbe osare: non è possibile che sul lungolago, in location bellissime, vengano offerti penne alla panna e al prosciutto e scaloppine”. A proposito di produzione, Massimo (Crotto del Sergente), Tiziano (La cucina della Marianna), Umberto (Imperialino) e Jean Christoph (Villa Belvedere) sperano che possano essere fatte operazioni strutturali – e chiamano in causa le amministrazioni – per aumentare gli allevamenti di pesce del Lario, visto che il problema della scarsità di materia prima è molto sentito.

Nel salutarsi i quattro hanno poi lanciato un progetto, un menù comune e la possibilità di ospitarsi a vicenda ai fornelli nei rispettivi ristoranti per serate speciali. Da una possibile rivalità, dunque, è invece nata una proficua collaborazione.

Massimo Moscardi

17 Lug 2018

Info Autore

Massimo Moscardi

mmoscardi mmoscardi@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
Dic: 2018
L M M G V S D
« Nov    
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
farmacia Farmacie di turno farmacia

ospedale   Ospedali   ospedale

trasporti   Trasporti   trasporti
Colophon

Editoriale S.r.l.
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto