Alida Valli, nella toponomastica vince Venezia

Alida Valli

Venezia batte Como. Non sul piano dell’industria turistica, non ci sarebbe storia, ma della riconoscenza nei confronti di un’icona dell’arte cinematografica. Due mesi fa il capoluogo lariano ha detto drasticamente no, salvo ripensamenti della giunta, all’ipotesi di una passeggiata a lago intitolata ad Alida Valli nel centenario della nascita. Era stata infatti bocciata in consiglio comunale a Palazzo Cernezzi la mozione del consigliere di Fratelli d’Italia Sergio De Santis, che proponeva l’intitolazione di un tratto del lungolago di Como, fra Tempio Voltiano e Monumento ai Caduti, all’attrice, star internazionale, che in gioventù visse a Como e girò film importanti sul Lario.
Il tutto con 16 voti contrari (Lista Rapinese, lista Landriscina, Forza Italia, Lega, Movimento 5 Stelle, Civitas) e 10 a favore in modo bipartisan (Fratelli d’Italia, Pd e Scelta Civica).
Il sindaco Mario Landriscina si è astenuto.
Una pioggia di polemiche aveva subito accompagnato la decisione, con tanto di stampa e tg nazionali mobilitati, la famiglia dell’attrice indignata per il diniego e un appello all’amministrazione di Como «affinché riveda la decisione e onori questa grande interprete del cinema italiano» da parte dei parlamentari di Fratelli d’Italia Alessio Butti, comasco, e Federico Mollicone, responsabile per la Cultura del partito guidato da Giorgia Meloni.
Ora il binomio tra politica e cinema risulta riscattato a Venezia, come detto. Che intitola ad Alida Valli l’area verde vicino al Palazzo del Casinò al Lido tra la piazzetta Nicolò Spada e via delle Quattro Fontane. L’iniziativa viene dalla giunta, su proposta dell’assessore alla Toponomastica Paola Mar. La richiesta è stata formalizzata al Comune di Venezia da parte del presidente del Comitato di Venezia dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, Alessandro Cuk, di concerto con il Cinit-Cineforum Italiano, e ha ricevuto il pieno sostegno da parte della presidente del consiglio comunale di Venezia, Ermelinda Damiano, dell’assessore alla Mobilità, Renato Boraso e dall’assessore al Turismo, Simone Venturini.
«Intitolare all’attrice e modella italiana Alida Valli un luogo così significativo di Venezia è per tutta la città un grande onore – ha commentato l’assessore Mar intervistata da Veneziatoday.it – quest’area verde a due passi dal luogo dove ogni anno si omaggia il cinema internazionale da oggi porterà il nome di una delle icone di quest’arte. Quell’Alida Valli che proprio nel 1997 venne insignita del Leone d’Oro alla carriera durante la Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia e che quest’anno avrebbe compiuto 100 anni. Un omaggio a un’artista che rappresenta, con la sua lunga carriera durata dal 1936 al 2002, una delle più grandi interpreti del Novecento sia a livello cinematografico che teatrale e, anche, televisivo».

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.