Alla guida con il telefonino: più multe che per eccesso di velocità
Cronaca

Alla guida con il telefonino: più multe che per eccesso di velocità

Sono state 472 le patenti ritirate dalla polizia stradale nel corso del 2017, 9.748 i punti complessivamente decurtati, nell’ambito di un quadro nel complesso positivo con il numero degli incidenti rilevati sceso del 17%. Sono alcuni dei numeri diffusi ieri dalla Polstrada e relativi allo scorso anno.
L’occasione è stata fornita dalla presentazione del nuovo comandante del corpo, il commissario capo Filippo Franchi.
Quest’ultimo, riminese, classe 1984, è insediato dal 28 febbraio scorso ed è alla prima esperienza da dirigente di una sezione di polizia stradale. Arriva da Milano, dove ha operato per quatto anni.
«Sono molto contento di questa esperienza professionale – ha detto – È un incarico in un territorio molto importante, con l’autostrada, la frontiera, una terra che unisce il Nord al Sud dell’Europa». «È una bella opportunità – ha proseguito il nuovo dirigente – L’ambiente che ho trovato è giovane e dinamico e ci sono tutte le premesse per continuare il buon lavoro fatto fino ad oggi».
L’occasione è stata anche propizia per annunciare una nuova strumentazione che sarà a disposizione del corpo. Si tratta del “Top Crash”, un sistema di rilevamento degli incidenti che manderà in pensione la vecchia bindella per utilizzare, al suo posto, i riferimenti satellitari, agevolando gli agenti e anche la precisione nella ricostruzione degli schianti.
Tornando ai dati della polizia stradale per l’anno 2017, c’è da rilevare anche il numero delle contravvenzioni che ha raggiunto quota 6.609, per una media di 18 multe al giorno. Ma a destare sensazione, nella classifica delle tipologie di infrazione al Codice della strada, c’è la “scalata” della guida utilizzando apparecchi telefonici senza l’auricolare o il viva voce, comportamento salito al secondo posto per numero di multe (286). Un’infrazione che nel 2017 ha superato la guida in stato di ebbrezza ma anche l’eccesso di velocità. In vetta a questa particolare graduatoria c’è il mancato uso delle cinture di sicurezza.
Nell’ambito della guida in stato di ebbrezza, invece, infrazione sempre molto monitorata dalle forze dell’ordine con controlli specifici soprattutto in occasione dei fine settimana, i conducenti sottoposti a verifiche nei 12 mesi scorsi sono stati 868 con servizi mirati, dalla mezzanotte alle 6 della mattina, che hanno impegnato 169 pattuglie.
I dati hanno portato a sanzionare 209 automobilisti per guida in stato di ebbrezza e altri 9 (denunciati) per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Quattordici i veicolo confiscati perché condotti da soggetti con un tasso di alcol nel sangue superiore all’1,5, quando il limite previsto è di 0,5.

6 marzo 2018

Info Autore

Mauro

Mauro Peverelli mpeverelli@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
agosto: 2018
L M M G V S D
« Lug    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto