Alleanza americano-brianzola per acquistare la Pallacanestro Cantù

Dmitry Gerasimenko

Una nuova offerta di rilancio, lo scorso fine settimana, da parte della cordata americano-canturina (ormai il patto è stato saldato) interessata ad acquisire la proprietà della Pallacanestro Cantù. Dopo che la prima è stata sostanzialmente rimandata al mittente da Dmitry Gerasimenko, ora c’è stato un rilancio con l’ennesima richiesta di avere velocemente una risposta.
Prima, però, lo stesso Gerasimenko valuterà anche l’offerta di un gruppo svizzero, che dovrebbe essere arrivata nella tarda serata di ieri.
Un fatto già sottolineato negli scorsi giorni: la speranza è che arrivi una risposta in tempi brevi. Come è noto, l’attuale patron si era detto disponibile a cedere gratuitamente il club: la questione dell’indennizzo riguarda l’area e il progetto del nuovo palasport di Cucciago.
Il fatto più rilevante delle ultime ore è il patto che c’è stato tra il gruppo americano e quello che può essere definito il consorzio legato all’associazione Tutti Insieme Cantù che, nel caso tutto andasse a buon fine, porterebbe nella società gli investimenti di soci brianzoli. Tra loro anche Roberto Allievi, figlio di Aldo, storico presidente del club, che da sempre è stato vicino agli attuali dirigenti per cercare di trovare una soluzione alla difficile situazione che si è venuta a creare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.