Alleanza tra Genova e Lugano grazie all’AlpTransit. Il sindaco Bucci: “Vogliamo essere il mare della Svizzera”
Economia

Alleanza tra Genova e Lugano grazie all’AlpTransit. Il sindaco Bucci: “Vogliamo essere il mare della Svizzera”

Una fase dei lavori di costruzione del tunnel del Ceneri © AlpTransit San Gottardo SA

Genova e Lugano si alleano. Stamattina a Palazzo Tursi, nel capoluogo ligure, i sindaci della città della Lanterna, Marco Bucci, e della città sul Ceresio, Marco Borradori, hanno sottoscritto un patto di collaborazione alla presenza degli ambasciatori della Repubblica Italiana in Svizzera, Marco Del Panta, e della Confederazione Svizzera in Italia, Giancarlo Kessler. L’accordo è strategico: le due città vogliono rafforzare la cooperazione economico-commerciale nei settori del turismo, della ricerca, della tecnologia, dell’innovazione e dell’ingegneria.

Tra i temi in discussione, il potenziamento del corridoio ferroviario Genova-Rotterdam, un’opera su cui sia l’Italia sia la Svizzera puntano molto per dare ulteriore impulso al traffico delle merci e al settore della logistica, e l’organizzazione del 5° “Forum di Dialogo tra Italia e Svizzera” che si terrà proprio a Genova nel 2019.

Al corridoio ferroviario che collega i porti di Rotterdam e Anversa, a Nord, con quello di Genova, a Sud, appartengono anche i due tunnel realizzati da AlpTransit in Svizzera: quello del Gottardo, già operativo dal 2016 e lungo 57 chilometri, e quello sotto il Monte Ceneri, lungo 15 chilometri, che sarà in funzione dal 2020. Le due gallerie permetteranno di accorciare di 45 minuti i tempi di percorrenza tra Milano e Zurigo, trasferendo inoltre dalle strade ai vagoni 210mila camion, avvicinando così la Svizzera alla Liguria.

«Genova vuole e deve continuare a essere il mare della Svizzera, il porto per eccellenza della Confederazione elvetica – ha sottolineato il sindaco Bucci – Ci auguriamo che, anche attraverso la realizzazione di nuove reti di collegamento, possa esserlo a pieno titolo. Il patto di collaborazione con Lugano si basa proprio sui vantaggi che nuove reti infrastrutturali potranno fornirci e offre la possibilità di avviare progetti concreti per avvicinare le nostre realtà locali e sviluppare azioni che possano essere di interesse strategico per lo sviluppo economico, turistico e culturale delle nostre due città».

«I legami storici, culturali ed economici tra Genova e la Svizzera sono il frutto di un’attenzione reciproca e continua nel tempo, favorita anche dalla condivisione della lingua e dall’appartenenza a una stessa civiltà fondata sul lavoro e sull’impresa – ha detto a sua volta il sindaco di Lugano, Marco Borradori – Per la nostra città essere presente nel Nord Italia, intensificando le relazioni con referenti istituzionali ed economici di Genova, principale porto italiano e importante snodo economico e culturale, è un fattore molto positivo per la promozione turistica, culturale ed economica della nostra regione. La sottoscrizione del Patto ci consente di trasformare le alleanze di intenti in progetti concreti, a beneficio delle rispettive comunità. Lugano, polo culturale, economico-finanziario e dell’innovazione, si trova in una posizione strategica rispetto agli assi di trasporto internazionali: la realizzazione in tempi sostenibili del prolungamento di AlpTransit a sud di Lugano con il collegamento alla rete ferroviaria italiana, quale completamento del corridoio Genova-Rotterdam, è oggi una priorità per il trasferimento del traffico merci su rotaia e lo sviluppo della competitività dei due Paesi».

17 aprile 2018

Info Autore

Marcello Dubini

Marcello Dubini mdubini@corrierecomo.it


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Archivio
ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  
Numeri utili
NUMERO UNICO DI EMERGENZA
numero 112 lampeggianti
 Farmacie di turno 

   Ospedali   

   Trasporti   
Colophon

Editoriale S.r.l. (in liquidaz.)
Via Sant’Abbondio 4 – 22100 Como
Tel: 031.33.77.88
Fax: 031.33.77.823
Info:redazione@corrierecomo.it

Corriere di Como
Registrazione Tribunale di Como n. 26/97
ROC 5370

Direttore responsabile: Mario Rapisarda

Font Resize
Contrasto